Macro con Helen Mees | Il programma di acquisto della BCE sta funzionando

Il programma di acquisto della Banca centrale europea per ridurre i differenziali dei tassi di interesse ha funzionato, conclude l’economista e giornalista di Volkskrant Heleen Mees.

“La BCE ha interrotto il Pandemic Emergency Purchase Program (PEPP), ma è stato concordato di investire i proventi del rimborso dei titoli di Stato sul bilancio della BCE nei paesi dei titoli di Stato che ne hanno bisogno. Paesi in cui rischia la frammentazione. Questo è precisamente Italia, Spagna, Portogallo, Grecia, ma anche Finlandia. E in giugno e luglio, la BCE ha rimborsato quasi 15 miliardi di euro di titoli di Stato tedeschi e quasi 4 miliardi di euro di titoli di Stato olandesi. La BCE ha utilizzato questo denaro per acquistare nuovi Titoli di Stato italiani, spagnoli, greci e finlandesi.

Tutto questo per ridurre i differenziali dei tassi di interesse, e questa è una cosa importante secondo Mees. A metà giugno si è tenuta una riunione d’emergenza della BCE perché il differenziale di tasso di interesse tra i titoli di Stato tedeschi a 10 anni ei titoli di Stato italiani a 10 anni era salito al 2,5%. Motivo sufficiente per l’incontro della BCE e in quel momento hanno anche affermato che avrebbero sviluppato un nuovo meccanismo. Lo stesso giorno hanno anche deciso che tutti i proventi del rimborso delle obbligazioni sarebbero stati investiti in quelli dei paesi periferici.

Mees conclude: “Ha funzionato molto bene. All’epoca, avevamo a che fare con uno spread del 2,5% e tale differenza è stata ora ridotta al 2%.

READ  Inter e Juve davanti ad Atalanta e Napoli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.