Manovra, bonus telefono: ecco come ottenerlo

Sta arrivando kit di scansione previsto dal pacchetto di modifiche alla legge finanziaria. il bonus del telefono è una delle novità, e offre la possibilità di ricevere uno smartphone in comodato d’uso e un abbonamento con giga per un anno. L’obiettivo del governo è quello di affrontare il digital divide, reso ancora più evidente dalla pandemia e dall’uso forzato della formazione a distanza, motivo per cui è stato necessario un intervento esecutivo nel tentativo di colmare il divario. digitale.

Tuttavia, non sarà per tutti: sono stati infatti stanziati per il provvedimento 20 milioni di euro per il 2021. Come scrive il Messaggero, questo significa che sarà ricevuto da solo uno su dieci beneficiari: sarà reso disponibile, con le risorse già assegnate, non appena duecentomila cellulari, con i rispettivi abbonamenti Internet. Quindi, anche se sulla carta le famiglie che avrebbero diritto al bonus sarebbero due milioni, molte rimarranno escluse. A questo bonus però si aggiungerà il già attivo bonus per pc e tablet, del valore di 500 euro, destinato a core con Isee di massimo 20mila euro.

Come ricevere il bonus e chi può richiederlo

Vediamo chi può richiedere ilbonus del telefono. I beneficiari sono le famiglie con un indicatore Isee non superiore a 20mila euro all’anno. E solo una persona per nucleo familiare può ricevere il telefono con un abbonamento a giga, che però non deve avere attivi, nel momento in cui richiede il kit di digitalizzazione della manovra, altri contratti con operatori telefonici, né per il Internet fisso o linea mobile. Al telefono saranno già attivi l’abbonamento gratuito a due testate giornalistiche e l’applicazione IO, applicazione che presto sarà indispensabile per interagire con la pubblica amministrazione, che serve anche per aderire al cash back.

READ  Superbonus 110%, non valido per l'unico proprietario dell'immobile

Tuttavia, per accedere al bonus, devi prima iscriverti al Sistema pubblico di identità digitale (Spid). In realtà, questo passaggio potrebbe diventare un ostacolo per molti: infatti, senza un moderno telefono cellulare, è difficile attivare lo Spid. Anche per questo il kit di digitalizzazione rischia di diventare un puzzle: per il momento sono entrati allo Spid solo 14,8 milioni di italiani. Può essere ottenuto tramite Poste Italiane o altri “provider di identità” attivati, e consente, tramite username e password, l’accesso a vari servizi delle istituzioni, quali rispetto a quelle fornite dall’INPS e dai vari ministeri.

Tuttavia, altre regole saranno contenute in un file decreto del Ministero dell’Innovazione tecnologica e della digitalizzazione, con disposizione prevista entro 60 giorni dalla data di entrata in vigore della manovra di bilancio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *