Marina Litvinenko: “Consegno Putin alla giustizia per mio marito”

LONDRA – “Sarebbe importante ricevere una sentenza da un tribunale internazionale, non solo per l’omicidio di mio marito ma anche per i tanti attentati di questi anni in cui Mosca è sospettata”. Marina Litvinenkovedova di Alessandro, l’ex agente del KGB assassinato a Londra nel 2006 con una dose di polonio radioattivo in una tazza di tè, continua la Russia di Vladimir Putin.

Ha presentato domanda alla Corte europea dei diritti dell’uomo, chiedendo un risarcimento di 3,5 milioni di euro per danni morali e perdita di reddito derivante dalla morte del coniuge. Ad entrambi era stato concesso l’asilo e la cittadinanza britannica. Una successiva inchiesta del governo britannico, durata anni, ha riconosciuto due ex agenti del KGB come gli autori materiali dell’assassinio e il presidente russo come l’istigatore “altamente probabile”.

Il Cremlino si è sempre rifiutato di estradare in Inghilterra i presunti assassini, Andrei Logovoy e Dmitry Kovtun, negando ogni responsabilità. Oggi, per la prima volta, il caso è davanti ai tribunali, ai giudici di Strasburgo, propaggine del Consiglio d’Europa, di cui la Russia è membro.

Perché questo appello alla Corte europea, signora Litvinenko?
“L’appello è iniziato nel 2007, ma lo abbiamo interrotto in attesa delle indagini del governo britannico, che si sono concluse solo nel 2016. A questo punto, lo abbiamo ripresentato, aggiungendo richiesta di risarcimento danni. Siamo ora in attesa di una decisione imminente ”.

Conoscendo la Russia di Putin, speri di vincere la causa o addirittura di ottenere un risarcimento da Mosca?
“Altri cittadini russi si sono rivolti alla Corte europea e hanno ottenuto ciò che chiedevano. Ma per me, non si tratta di soldi. Sarebbe importante ricevere una condanna da un tribunale internazionale, riconosciuto dalla Russia, non solo sul caso di mio marito ma anche, come abbiamo chiesto, sugli altri omicidi politici incriminati a Mosca negli ultimi anni ”.

READ  Ecco cosa puoi e non puoi fare con le regole del governo

Come il tentativo di omicidio con gas nervino dell’ex agente Skripal a Salisbury?
“E come quello recente in Siberia contro il leader dell’opposizione russa Alexei Navalnyj”.

Lo studio legale americano che la rappresenta è molto vicino a Joe Biden. Pensa che con Biden alla Casa Bianca, l’America avrà una linea più dura sugli assassinii di stato russo rispetto a Donald Trump?
“Spero. Quando Trump è diventato presidente nel 2016, l’affare Litvinenko è stata una delle prime domande che è venuta alla sua attenzione. E Trump ha risposto:” Non so niente, non ho prove, non “Non ci credo.” Con Biden, penso che le cose cambieranno, in quanto suggerisce il supporto che ricevo dagli avvocati a lui vicini “.

È vero che anche tu hai avuto poco supporto da Boris Johnson?
“L’omicidio di mio marito è avvenuto sotto un governo laburista e poi il ministro degli Esteri David Miliband mi ha incontrato due volte. Con l’arrivo del governo conservatore, l’atteggiamento è cambiato. Ho incontrato Theresa May quando era ministro degli interni, ma poi lei stessa ha interrotto l’inchiesta pubblica, citando la necessità di non mettere a repentaglio le relazioni tra Russia e Gran Bretagna. Nel frattempo, i Tory hanno continuato a ricevere donazioni da ricchi russi per la loro festa come se nulla fosse successo. Non dico che sia quello che li ha condizionati, ma non posso fare a meno di notarlo ”.

Hai paura di sfidare Putin in una sede internazionale così importante?
“Oggi ci sono tanti motivi per avere paura. Molte persone soffrono della pandemia. Diciamo che non ho più paura per me stesso di quanto lo siano gli altri ”.

READ  "Il piacere sessuale è divino, non cattolico o cristiano. Non c'è spazio per una moralità troppo zelante" - Libero Quotidiano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *