Maschera a scuola, comitato tecnico: l’ASL può introdurre l’obbligo di indossarla anche in classe a seconda dell’andamento del contagio locale

Niente maschera una scuola se viene rispettata la distanza di un metro. Ma, in base a “tendenze epidemiologiche locali“, Pertanto all’esecuzione di contagio nei diversi campi, il Asl può “prevedere ilobbligo anche in situazioni statiche ”, ovvero anche seduti al bancone. il Comitato tecnico scientifico nella nota pubblicata alla fine del incontro oggi alla riapertura del scuole insicurezza. Un incontro in cui è stato ribadito che non sarà necessario indossare protezioni nasali e orali quando si è seduti al proprio posto in aula. Allo stesso tempo, però, è stato sottolineato che le regole possono cambiare, anche perché “l’apertura delle scuole è un necessità principale del paese, ma il sicurezza e il continuità Attività “.

Il Cts nella nota spiega che “il dati epidemiologici, il conoscenza scientifica e le implicazioni organizzative riscontrate possono determinarne una modifica le raccomandazioni proposte, anche in relazione alle diverse tendenze epidemiologiche locale, dall’autorità sanitaria che può prevedere l’obbligo della maschera anche in situazione statica rispetto alla distanza un certo periodo, in una strategia di scalabilità misure di prevenzione e controllo equilibrate con l’esigenza di continuità ed efficienza della formazione “.

Al momento, tuttavia, in Scuola elementare, continua la nota, “per promuovere l’apprendimento e lo sviluppo relazionale, il maschera potrebbe essere rimosso in condizioni statiche rispetto alla distanza di almeno un metro e l’assenza di situazioni che prevedano la possibilità di aerosolizzazione (ad esempio cantando) “. Il Comitato Tecnico Scientifico prosegue spiegando che” nell’istruzione secondaria, anche considerando a trasmissibilità simile per cui adulti, la maschera può essere rimossa in stato statico rispetto alla distanza di almeno un metro, in assenza di situazioni che prevedano la possibilità di aerosolizzazione (ad esempio canto) e in una situazione epidemiologica di bassa circolazione virale come definito dall’autorità sanitaria “.

READ  Milan, Tonali è la vittoria di Maldini: acquisto strategico, Elliott si frega le mani | Prima pagina

Da maggio, il CTS ha sviluppato “diversi documenti con elementi di valutazione tecnica, sottoposti al decisore politico, sul rimodellamento Misure di contenimento del contagio Sars-Cov-2, con l’obiettivo di garantire il salutare e il sicurezza per la riapertura delle scuole per il nuovo anno scolastico “.Organizzazione mondiale della sanità, in un recente documento del 21 agosto, ricorda il CTS, fornisce indicazioni sull’uso delle maschere nelle scuole, differenziandole per fascia d’età. Tra i 6 e gli 11 anni: uso condizionato alla situazione epidemiologica locale, tenendo conto del contesto socio-culturale e fattori come l’adesione del bambino a mascherare l’uso e il suo impatto sulle capacità di apprendimento. Dai 12 anni: usa il stesse previsioni per adulti.

Memoriale al coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come adesso
abbiamo bisogno di voi.

In queste settimane di pandemia, noi giornalisti, se facciamo coscienziosamente il nostro lavoro, stiamo svolgendo un servizio pubblico. Anche per questo, ogni giorno su ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, informazioni esclusive, interviste ad esperti, sondaggi, video e molto altro ancora. Tuttavia, tutto questo lavoro ha un costo economico elevato. La pubblicità, in un momento in cui l’economia è ferma, offre un reddito limitato. Non in linea con la rampa di accesso. Ecco perché chiedo a coloro che leggono queste righe di sostenerci. Per darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino a settimana, indispensabile per il nostro lavoro.
Diventa un utente dell’assistenza clicca qui.

grazie
Peter Gomez

Ma ora siamo noi che abbiamo bisogno di te. Perché il nostro lavoro ha un costo. Siamo orgogliosi di poter offrire ogni giorno centinaia di nuovi contenuti gratuitamente a tutti i cittadini. Ma la pubblicità, in un momento in cui l’economia è ferma, offre un reddito limitato. Non in linea con il boom degli accessi a ilfattoquotidiano.it. Per questo ti chiedo di sostenerci, con un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino a settimana. Una somma modesta ma fondamentale per il nostro lavoro. Dacci una mano!
Diventa un utente dell’assistenza!

Con gratitudine
Peter Gomez


ilFattoquotidiano.it

Supporto ora


Pagamenti disponibili

Articolo precedente

La Regione Abruzzo rinvia l’inizio delle lezioni: l’inizio dell’anno scolastico posticipato al 24 settembre

seguente


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *