Mondiali FIFA 2022 – Timothy Castagne: “Da quando il KRC Genk è migliorato sotto ogni aspetto”

Mondiali FIFA 2022 – Timothy Castagne: “Da quando il KRC Genk è migliorato sotto ogni aspetto”

Mondiali FIFA 2022 – Timothy Castagne: “Da quando il KRC Genk è migliorato sotto ogni aspetto”

©AFP

Timothy Castagne (26) sta affrontando la sua prima Coppa del Mondo. Il giocatore del Leicester si sente completamente pronto. “Sono diventato un giocatore migliore in tutte le aree rispetto al KRC Genk. In Italia ho imparato molto tatticamente, in Inghilterra sono diventato molto più forte nei duelli.

Cristoforo Liberlo

Come hai digerito la sconfitta contro l’Egitto?

“È un peccato che abbiamo perso ovviamente. Ma è meglio che sia successo durante la preparazione che ai Mondiali stessi. Ora dobbiamo principalmente risolvere i piccoli, ma importanti problemi.

Quali sono i problemi principali?

“Dobbiamo parlare di più, la comunicazione è stata pessima durante la partita. Il gioco posizionale doveva essere migliore. Anche alla nostra destra. Se uno o due giocatori, o anche metà della squadra, non sono nella giusta posizione, avrai dei problemi”.

È andata così male sullo 0-2?

“Non guarderò cosa avrebbero potuto fare meglio gli altri. Poco dopo lo 0-2 c’è stata la stessa fase, poi il giocatore rotto è stato messo in fuorigioco. Giocare in fuorigioco ovviamente è sempre un po’ rischioso, tutto deve funzionare alla perfezione, devi mantenere questa linea difensiva.

Il Ct della Nazionale non era soddisfatto, lo ha fatto sapere?

“Durante la pausa, ha già apportato modifiche. Dopo la partita ha voluto darci tregua, ma il mister tornerà sicuramente per chiarire le sue linee guida.

Rimanendo fuori Doha, cosa ne pensi?

“Preferisco stare qui tranquillo, dove abbiamo sempre quattro giorni per recuperare. Mi piace prendere l’autobus in città per giocare lì. Qui è calmo, puoi assaporare l’atmosfera della Coppa del Mondo mentre si avvicinano le partite”.

READ  pronto a "digerire" Italia Viva? - Gratuito tutti i giorni

Ai Campionati Europei della scorsa estate ti sei dovuto ritirare infortunato dopo una grave collisione, ricordi?

“Ricordo che ho subito chiesto se potevo continuare a giocare, ma ovviamente non potevo. Non ho rimpianti, quello che è successo, è successo. Non vedo l’ora di volare ora, perché non giochi una Coppa del Mondo tutti i giorni Non sono riuscito a finire il mio precedente torneo principale, ma ora questo è il piano.

Contro il Canada si deve vincere mercoledì.

“Se non la prendiamo troppo alla leggera, dovremmo avere successo.”

Infine, sei diventato un giocatore diverso da quando hai lasciato il KRC Genk nel 2017?

“Sì, sono anche molto cambiato rispetto ad allora. Il mio tempo in Italia mi ha insegnato molto tatticamente. In Inghilterra l’intensità è molto più alta e sono diventato più forte nei duelli. Grazie a questa esperienza in due competizioni estere, sono diventato addirittura un giocatore migliore in tutte le aree rispetto a quando ho lasciato il Genk.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *