Mathieu van der Poel e Jan Jambon lo sapevano già e ora sono convinti anche in Italia: il miglior ristorante italiano in Belgio si trova a Wuustwezel (Wuustwezel)

Mathieu van der Poel e Jan Jambon lo sapevano già e ora sono convinti anche in Italia: il miglior ristorante italiano in Belgio si trova a Wuustwezel (Wuustwezel)

I dipendenti sono orgogliosi del loro premio. © Neel vermeiren

Wuustwezel

Inaspettatamente, il ristorante italiano Il divino di Milano riceve il riconoscimento dall’Italia. Il ristorante di Wuustwezel ha ricevuto il Registro Eccellenze Italiane, il premio per il miglior ristorante italiano in Belgio per il periodo 2022-2023.

Neel Vermeiren

Il Registro Eccellenze, istituzione italiana attiva principalmente online, ricerca nel mondo ristoranti che promuovono la vera cucina italiana. L’unicità di questi casi è premiata con un premio. Soprattutto, l’istituto vuole evitare che la cucina tradizionale italiana cada in preda all’imitazione. A tal fine invia ispettori per verificare i requisiti di qualità fissati. È così che Sylvie Aernouts, inconsapevolmente, ha influenzato gli ispettori italiani. E a quanto pare hanno visto (e assaggiato) che era buono. Il premio è stato consegnato giovedì.

“È una manna dal cielo”, afferma la proprietaria Sylvie. “Anche se il nostro ristorante è pieno il pomeriggio e la sera, l’acqua è anche sulle nostre labbra. Ci giriamo semplicemente ma non possiamo più realizzare un profitto per assorbire le battute d’arresto. I prezzi delle materie prime sono raddoppiati. Lavoriamo con prodotti originali italiani e i loro costi sono alle stelle. Anche il vitello, ad esempio, è raddoppiato di prezzo. E poi c’è la bolletta energetica esorbitante. Se abbiamo già tanti problemi con la nostra professione, cosa accadrà con le attività di ristorazione che funzionano un po’ meno. I governi devono affrontare questo problema con urgenza, altrimenti ci saranno molte chiusure. »

Alto riconoscimento dall’Italia. © Neel Vermeiren

“Questo non può fermarsi”

Questa settimana a Sylvie non è piaciuto più. Nel ristorante è appesa una grande foto del marito Johan De Jaegher, lo chef, morto improvvisamente nel febbraio 2019. «Gli parlo spesso. Ora mi sono messo davanti alla sua foto e gli ho detto: Johan, se non mi aiuti ora, mi fermo. E poi, inaspettatamente, è arrivato questo riconoscimento. Mi dà coraggio. Dobbiamo andare avanti. Ho un team di dodici dipendenti fissi guidati dal nostro chef Massimo. Danno il meglio di sé. I nostri clienti si affidano a noi. Non deve fermarsi. Ecco perché il riconoscimento è così gratificante.

READ  Minacce di morte dopo Non è l'Arena, il trasferimento della prefettura - Libero Quotidiano

LEGGI ANCHE. Anche dopo la morte dello chef Johan, Il divino di Milano continua a segnare a Gault & Millau: “Ogni giorno una candela brucia con la sua foto”

Il divino di Milano è conosciuto da lontano. Personaggi famosi come Mathieu Van der Poel, il Primo Ministro Jambon e personaggi dello spettacolo come Regi sono clienti fedeli.

LEGGI ANCHE. Trasferimento culinario di alto livello: chiude i battenti la star di Essensi, lo chef de Il divino di Milano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *