Messico, si ribalta un camion carico di migranti: 53 morti

È uno dei peggiori massacri in Messico. Il camion avrebbe sofferto guasto al freno e sarebbe sfuggito di mano. Funzionari locali hanno detto che le vittime includevano anche quasi tra 8 e 10 bambini.

La dinamica – Secondo i rapporti di emergenza, il camion stava viaggiando a una velocità di circa 100 chilometri all’ora. In fase di accelerazione, il veicolo si è ribaltato in una curva a gomito e ha urtato un ponte pedonale su una strada principale che conduce alla capitale dello stato del Chiapas. Tuxtla Gutiérrez. Quando si è capovolto, il container ha gettato violentemente decine di migranti entro un raggio di diversi metri. Fonti del pubblico ministero hanno affermato che varie persone morte per soffocamento e altri schiacciati dal peso dallo stesso mezzo. Lo ha confermato la Direzione Generale della Protezione Civile il camionista è scappato e che nell’incidente è rimasto coinvolto anche un altro mezzo pesante. Non è un caso che questo sia accaduto in questo tratto di strada: il Chiapas è un importante punto di transito per i migranti irregolari. Centinaia di migliaia di persone fuggono dalla povertà e dalla violenza in America Centrale e tentano ogni anno di attraversare il Messico nel tentativo di raggiungere gli Stati Uniti. Secondo i registri deloim (Organizzazione Internazionale per le Migrazioni), solo quest’anno almeno 650 persone sono morte per cercare di attraversare il confine.

READ  Covid, lunedì la sala regia per le nuove regole | A giugno test in discoteca a Gallipoli: 2mila con il pass verde

I messaggi – “Mi rammarico profondamente per la tragedia nello Stato del Chiapas, esprimo la mia solidarietà alle famiglie delle vittime, alle quali offriremo tutta l’assistenza consolare necessaria, compreso il rimpatrio”. Lo scrive su Twitter il presidente del Guatemala, Alejandro Giammattei, commentando l’accaduto. L’arrivo in America non è previsto e il politico ha chiarito che “ora verranno probabilmente deportati in Guatemala”. Anche il presidente del Messico, Lopez Obrador, ha espresso via Twitter il suo “profondo rammarico” per l’accaduto, ordinando un massiccio intervento della protezione civile.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *