Moda e lusso, da colpo duro Covid (-28%) ma il made in Italy pensa alla ripartenza

Un servizioEvento solare 24 ore su 24

Digitale, filiera, patrimonio e turismo sono i punti di forza del settore, emerso dalla tavola rotonda “Made in Italy in Fashion & Luxury: il ruolo dell’Artigiano Contemporaneo”

di Marta Casadei

Diego Della Valle: “Ci stiamo muovendo verso il digitale, ma non rinunciamo allo stile di vita italiano”

Digitale, filiera, patrimonio e turismo sono i punti di forza del settore, emerso dalla tavola rotonda “Made in Italy in Fashion & Luxury: il ruolo dell’Artigiano Contemporaneo”

4 ‘letto

Un settore decisivo per l’economia italiana, fortemente colpita dalla crisi legata alla pandemia Covid-19, chiamata a rafforzarsi e ripartire facendo affidamento sui propri elementi di unicità, senza dimenticare la tecnologia di cui i consumatori sono sempre più dediti. Questo è il ritratto del settore della moda di lusso che emerge dalla tavola rotonda “Made in Italy in Fashion & Luxury: the role of” contemporary craftsmanship “, organizzata nell’ambito della tre giorni di Restart organizzata da Sole 24 Ore in collaborazione con il Financial Times.

Partiamo da un’immagine negativa, quella disegnata da Nadia Portioli, analista presso il centro ricerche Mediobanca, che parte dall’analisi dei bilanci delle società quotate del settore. “La moda è uno dei settori più penalizzati dall’impatto del Covid-19 – spiega -. Basti pensare che il calo medio del fatturato registrato dalle multinazionali nella prima metà del 2020 è del 7%, mentre le aziende del settore moda hanno perso quattro volte: il 28% del proprio reddito sullo stesso periodo “. La crisi, dopo un primo trimestre di lieve flessione sotto il peso del lockout in Cina (-15%) poi in Italia, si è manifestata pienamente nel secondo trimestre con -41% di fatturato del settore . “Una battuta d’arresto senza precedenti – conferma Portioli – per il settore moda il peggiore dell’era moderna. Se guardiamo alla marginalità, la situazione sembra addirittura peggiore: nel primo semestre 2019 l’EBIT medio delle aziende del settore era del 18%, nel 2020 era del 4% “.

READ  Tiscali, un altro aumento massimo (+ 69,2%) | SoldiOnline.it

Eppure con la crisi del modello attuale, nei primi mesi del 2020, sono emerse anche le linee guida per la ripresa: l’e-commerce, con vendite in crescita a ritmi record, la forza di un prodotto di alta qualità come quella dell’Italia, la stabilità dei mercati asiatico e cinese dove il calo del fatturato è stato meno significativo che in Europa (-25% contro -33%) e dove nel secondo trimestre si è avuta un’inversione di tendenza, anche grazie alla spesa per vendetta.

Conferma anche la ripresa della Cina Jean Cristophe Babin, CEO del gruppo Bulgari: “Nel terzo trimestre abbiamo avuto risultati sorprendenti, vicini a quelli del 2019”, specifica il tecnico. Il che racconta come un grande gruppo come Bulgari – una casa di alta gioielleria fondata a Roma, ora parte del gigante Lvmh – abbia sfruttato il periodo “oscuro” della serrata. Investire in formazione e digitalizzazione: “Abbiamo cercato di utilizzare il lock-in time nella formazione, abbiamo rafforzato il nostro e-commerce anticipandone lo sviluppo di circa due anni, estendendo il servizio da 8 a 15 Paesi. Abbiamo già le prime osservazioni: oggi negli Stati Uniti il ​​18% delle vendite di gioielli si concentra sul canale online, nel 2019 erano il 2% ”. Covid-19 ha incoraggiato il gruppo a investire a tutela della filiera: “Innanzitutto, di fronte al calo di attività, abbiamo preso la quota maggiore per garantire ai nostri partner storici – tra cui i 90 orafi del Valenza Po – sopravvivenza in un momento difficile ”. Continueranno gli investimenti nell’area: “Nel 2024 apriremo un nuovo stabilimento a Valenza, creando 500 posti di lavoro”, dice Babin. Ciò sottolinea che “il marchio è l’unico al mondo a produrre tutti i gioielli in Italia”.

READ  Se ami lo yogurt, ecco come farlo in casa quasi gratis

Supportare la filiera nei momenti di difficoltà è uno dei punti chiave su cui si è concentrato Matteo Lunelli, Presidente della Fondazione Altagamma: “In caso di emergenza, la prima preoccupazione è stata quella di sostenere la filiera, per non perdere un elemento essenziale del Made in Italy”, ha dichiarato. Sottolineando l’importanza della collaborazione tra imprese, grandi e piccole, e tra imprese e istituzioni: “C’è voglia di dialogo e collaborazione per aumentare la competitività delle imprese e, più in generale, di questo Paese. Abbiamo un dialogo aperto con il governo perché vogliamo che le risorse del fondo di stimolo e altre iniziative diano la dovuta attenzione ai settori della moda di fascia alta che possono essere il motore del Paese. Oggi abbiamo la possibilità di ripartire con un riposizionamento al rialzo e un rilancio del turismo internazionale che da sempre è un riferimento del Made in Italy non solo perché acquista prodotti ma perché se ne innamora. dello stile di vita italiano ”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *