MORTE dopo la SECONDA DOSE del VACCINO PFIZER, avvenuta in provincia di Treviso. Dettagli »ILMETEO.it

COVID: MORTE dopo la SECONDA DOSE del VACCINO PFIZER, avvenuta in provincia di Treviso. I dettagli

MORTE dopo la SECONDA DOSE di VACCINO PFIZERUna donna di 91 anni È morta poco dopo aver ricevuto il seconda dose di vaccino COVID prodotto da Pfizer, direttamente nel parcheggio del punto vaccinazione di Villorba, nella regione di Treviso.

Il triste episodio, riportato dal quotidiano Il Messaggero, si è verificato la mattina del Sabato 8 maggio. Quello che è successo? Mentre la vecchia aspettava che sua figlia ricevesse la seconda dose di vaccino Pfizer, Irma Dall’Acqua, ha subito un arresto cardiocircolatorio che ha provocato la sua morte. Nel momento in cui la donna ha accusato il malattia Il 118 è stato subito contattato e inviato un’ambulanza sul posto. In attesa dell’arrivo dei soccorsi, il personale del centro di vaccinazione Villorba attivato per cercare di rianimare il 91enne, utilizzando un defibrillatore: tuttavia, la macchina ha rilevato immediatamente una frequenza cardiaca non defibrillabile fino al termine dell’operazione. L’equipaggio del veicolo sanitario 118, a bordo del quale era anche un rianimatore anestesista, ha provato tutto il possibile per aiutare la vecchia, continuare le manovre di rianimazione. A causa dell’esistenza di un ritmo ovviamente non defibrillabile, il paziente, che soffriva di malattie cardiovascolari e renali, è stato trasportato in codice rosso al pronto soccorso dell’ospedale di Treviso. Qui, purtroppo, il file Morte.

A quel tempo sorsero dubbi e sospetti che tutto potesse essere relativo alla seconda dose di inoculo vaccino prodotto da Pfizer, poiché non era trascorsa nemmeno un’ora dalla sua somministrazione agli anziani poi deceduti. Nonostante il Ussl 2 non crede che ci sia una connessione tra i due eventi, tuttavia, ha richiesto un esame autoptico.

READ  Bologna open day vaccino, assalto al polo Fiera. Notte in fila e Ausl raddoppia le dosi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *