MPS italiana avvia la vendita di azioni dopo il sostegno delle banche

MPS italiana avvia la vendita di azioni dopo il sostegno delle banche

MPS ha bisogno di più soldi per licenziare 3.500 dipendenti attraverso un costoso regime di prepensionamento e per rafforzare il capitale, appena cinque anni dopo che lo Stato ha acquisito la maggioranza della banca a seguito di un salvataggio di 8,2 miliardi di euro.

MPS è il più grande datore di lavoro privato della Toscana, regione che è stata una roccaforte storica del centrosinistra italiano, e ha stretti legami con le numerose imprese della regione attive nel settore della moda, della pelletteria e del turismo.

Considerata troppo grande per fallire, MPS è stata al centro dei problemi bancari dell’Italia da una sfortunata acquisizione alla vigilia della crisi finanziaria globale del 2008-2009.

Ha lottato per trovare assicuratori per la sua settima raccolta fondi in 14 anni, costringendolo a correre fino all’ultimo minuto per raccogliere impegni dagli investitori per mitigare il rischio per il consorzio bancario.

Con solo sei delle otto banche a bordo mercoledì sera, l’amministratore delegato di MPS Luigi Lovaglio e il direttore finanziario Andrea Maffezzoni hanno lavorato tutta la notte con gli istituti di credito per assicurarsi il sostegno finale.

Bank of America, Citigroup, Credit Suisse e Mediobanca sono i coordinatori globali dell’offerta.

Barclays, Société Générale, Stifel e Santander, che sono arrivati ​​ultimi, sono contabili.

I sottoscrittori copriranno fino a 807 milioni di euro dell’offerta, ha detto MPS in un comunicato giovedì mattina, pochi minuti dopo aver ricevuto la firma dall’ottava banca.

Altri 50 milioni di euro sono garantiti dal fondo londinese Algebris, il cui fondatore Davide Serra è vicino a Lovaglio.

IN CERCA DI RELAX

Con i mercati afflitti da timori di recessione, conflitto in Ucraina, inflazione e aumento dei tassi di interesse, le otto banche incaricate di sostenere la vendita si sono rifiutate di correre il rischio senza che le garanzie sulla quantità di azioni che avrebbero acquistato potrebbero persistere.

READ  Nuovo Dpcm, stop movimento e coprifuoco: misure in Cdm

Lo Stato contribuirà con 1,6 miliardi di euro all’aumento di capitale, sulla base della sua quota del 64%. Secondo le norme dell’UE sugli aiuti di Stato, il resto deve essere raccolto da investitori privati.

Se il Mps raccoglie meno del massimo di 2,5 miliardi di euro, il contributo statale verrà ridotto proporzionalmente in modo che non superi il 64% del totale.

MPS precisa che alcuni investitori si sono impegnati nei confronti dei sottoscrittori ad acquistare nuove azioni per un importo pari a oltre la metà della parte privata dell’aumento di capitale, che ammonta a 900 milioni di euro.

Almeno 100 milioni di euro arriveranno dalla francese AXA, partner di MPS in un gruppo assicurativo.

Un altro partner di MPS, l’asset manager Anima Holding, investirà 25 milioni di euro dopo che Lovaglio ha rifiutato la sua offerta di contribuire 10 volte quella cifra in cambio di un nuovo affare.

Dopo che il suo valore di mercato è sceso a soli 256 milioni di euro, MPS venderà le nuove azioni con uno sconto di appena l’8,6% rispetto al prezzo di chiusura di mercoledì, senza commissioni di sottoscrizione.

Questa è una frazione dello sconto normalmente offerto per rendere interessanti queste offerte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *