Nagelkerkjes non c’entra nulla con il price cap: “Ci laviamo 20 volte a settimana”

Il governo vuole abbassare i prezzi del gas e dell’elettricità fissando un prezzo massimo su parte del consumo energetico. Ma questi piani si basano su una famiglia media. E se avessi una famiglia numerosa? “In effetti, non ci serve”, dice padre Jan Nagelkerke di Oudenbosch, padre di otto figli.

Foto del profilo di Suzan van Loenen

I Nagelkerkje vivono in una casa con nove persone: padre, madre e sette figli. Uno dei loro figli è in America. Sono diventati famosi in tutto il mondo nei Paesi Bassi grazie al programma televisivo “Een huis vol”. Jan: “Qui facciamo la doccia circa 35 volte a settimana. E la lavatrice non funziona quattro volte a settimana, che è la media. A volte ci laviamo fino a venti volte a settimana. Tutto sommato”.

Il prezzo massimo è una goccia nell’oceano per lui. “Sono scioccato dall’importo che dobbiamo pagare in ottobre”, afferma Jan. “L’anno scorso abbiamo pagato poco meno di 400 euro per il gas. Ora la cifra supera i 2000 euro”. Pagherà anche molto di più per l’elettricità. “Era 383 euro. Ora l’anticipo è di 1340 euro”.

“Chiediamo ai bambini di fare attenzione per quanto tempo fanno la doccia”.

Si aspetta che tale importo alla fine diminuirà leggermente. “L’anno scorso non abbiamo visto la necessità di risparmiare. Ora stiamo facendo del nostro meglio per utilizzare meno gas ed elettricità”, afferma Jan. “Non siamo poliziotti, ma chiediamo ai bambini di fare attenzione a quanto spesso e per quanto tempo si fanno la doccia”.

Anche il riscaldamento nella parte superiore della casa è spento. “Allora strisciare sotto una coperta elettrica. Anche se costa anche l’elettricità.” Al piano di sotto, la famiglia ha recentemente iniziato a utilizzare uno spazio in meno. “Avevamo un soggiorno separato dalla cucina. Ora utilizziamo solo la parte accanto alla cucina. Non riscaldiamo più il soggiorno”.

READ  Schiphol risarcisce i viaggiatori che perdono un volo a causa del caos aeroportuale

“Quando fuori soffia forte vento, puoi anche sentire il vento qui.”

Nonostante questo, la famiglia non può risparmiare molto di più. Vivono in un edificio monumentale, che usano anche come ufficio. “Abbiamo i doppi vetri, ma non possiamo cambiare molto in casa. Se il vento soffia forte fuori, lo senti anche dentro. Questa casa è piuttosto energivora”.

Inoltre, i Nagelkerkjes hanno una panetteria e diversi esercizi di ristorazione. Anche le bollette del gas e dell’elettricità stanno aumentando rapidamente. “L’anno scorso, ad agosto, abbiamo pagato 2.440 euro per l’elettricità del panificio. Ora sono più di 13.000 euro”.

“Pensate a come procedere.

Tuttavia, Jan rimane fiducioso. “Sto ancora dormendo. Anche se pensi a come procedere. Se i costi rimangono così alti, possono trasferirsi all’estero. “Se è ancora così a marzo, non c’è nient’altro da fare”, afferma Jan. “Poi lasciamo che le nostre aziende falliscano ed emigriamo in Spagna. Poi non ci resta che chiudere tutto”.

Padre Jan Nagelkerke è sconvolto dalla bolletta energetica (foto: Noël van Hooft / Omroep Brabant).
Padre Jan Nagelkerke è sconvolto dalla bolletta energetica (foto: Noël van Hooft / Omroep Brabant).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.