Nel Regno Unito, 40.000 altre infezioni e 1.400 decessi. Biden: “Negli Stati Uniti ci saranno almeno 600.000 vittime”. Macron: “Restrizioni per almeno altri 6 mesi”

Mentre il Cina ne ha lanciato uno screening di massa con tamponi per quasi 2 milioni persone, Hong Kong preparandosi per entrare nel suo primo lock dall’inizio della pandemia Covid. Guardando verso l’Europa, in Regno Unito resta pesante il bilancio dei contagi e delle vittime: nelle ultime 24 ore si sono registrati 40mila nuovi positivi, rispetto a 665mila tamponi, e 1.400 morti. Per ilIrlanda del Nord la scorsa settimana è stata la più mortale dall’inizio della pandemia, grazie alla diffusione della variante inglese che preoccupa tutti Europa. La sua forte contagiosità ha spinto il Portogallo interrompere da domani i voli con il Regno Unito, ad eccezione di quelli di natura umanitaria per il rimpatrio dei cittadini portoghesi e britannici. Una decisione annunciata dal Presidente del Consiglio Antonio Costa dopo aver partecipato alla videoconferenza dei leader dell’UE sul coordinamento delle misure anti-Covid, durante la quale Francia ha deciso che il tampone è obbligatorio per i cittadini europei che entrano nel territorio nazionale. Mentre il Belgio ha deciso di vietare i viaggi non essenziali all’estero fino al 1 marzo. L ‘Ungheria, dopo essere stato il paese promozionale per approvarlo, ha invece firmato un contratto di acquisto “Grandi quantità” Vaccino russo Covid Sputnik, che non è stato ancora valutato dalle autorità sanitarie europee.

Intervento in un incontro con studenti dell’Università di Paris-Saclay, il presidente francese, Emmanuel Macron, ha fornito una previsione a medio termine spiegando che nei prossimi sei mesi, quindi fino all’estate, non sarà possibile “tornare alla normalità” e che i francesi dovranno “unirsi” in un periodo che “sarà caratterizzato dal virus e restrizioni“.

READ  vaccini e revisione del recupero

nel stati Uniti il numero di contagi e vittime continua ad essere tra i più alti al mondo. Quindi il neoeletto presidente Joe biden, presentando i suoi ultimi decreti, lo ha dichiarato Covid causerà “più di 600.000 morti” nel Paese che, attualmente, ha già 420.000 vittime dall’inizio della pandemia.

Hong Kong – La città, che fino ad ora era sempre riuscita a contenere la diffusione del virus con chiusure mirate e un efficace sistema di tracciamento, è ora travolta anche dalla seconda ondata di epidemia, con 9.797 nuovi casi di Covid e 166 decessi registrati, sulla base dei dati del rapporto della Johns Hopkins University. Annunciare la notizia è il China Morning Post, secondo il quale il blocco inizierà sabato 23 gennaio e sarà in vigore per almeno due settimane: il mancato rispetto delle norme sarà punito con sanzioni.

Cina – Il virus sta nuovamente preoccupando la Cina, quasi un anno dopo il blocco di Wuhan (23 gennaio 2021): A. ciclo tampone sfuso oorganizzato nei distretti di Dongcheng e Xicheng. Molti circolano sui social network cinesi video con lunghe code composte da centinaia di persone online in attesa del test, ad esempio in Wangfujing Street in Dongcheng. Pechino ha finora organizzato controlli sugli 1,71 milioni di abitanti del distretto di Daxing – chi sono dentro confinamento – e circa 1,23 milioni quello di Shunyi, rispettivamente a sud e nord-est della capitale, entrambi vicini agli aeroporti. La capitale, da parte sua, giovedì ha registrato tre nuovi casi di trasmissione domestica di Covid-19, tutti nel complesso residenziale di Ronghui, a Daxing. Inoltre, la Commissione sanitaria municipale ha menzionato un’altra infezione asintomatica e due infezioni importate.

READ  "Raduni impuri, vertice con i sindaci". Veneto, oggi 2.829 positivi

Francia – L’allerta è al massimo invece di Francia, dove il presidente Emmanuel Macron annunciato giovedì sera, durante l’incontro con i leader dell’UE, l’obbligo di un campione molecolare per tutti i cittadini europei che entrano nel paese. Il test deve essere completato 72 ore o meno prima della partenza, ad eccezione dei cosiddetti viaggi essenziali. Oltre al test, c’è una quarantena di sette giorni e un secondo test per uscire dalla quarantena.

Irlanda del Nord – Trasferito dall’Inghilterra aIrlanda del Nord uno dei principali focolai di contagio e morte da Covid nel Regno Unito, alimentato dalla nuova e più virulenta variante dell’infezione che si è manifestata a piena potenza oltre Maniglia da dicembre. Gli ultimi dati diffusi oggi da Belfast. Essere Londra e dei suoi dintorni, dopo più di due settimane di confinamento, c’è stata una lenta frenata di curva (nonostante la situazione ancora molto difficile negli ospedali e nel sistema sanitario, costretti ad allestire alcuni autobus come superambulanze aggiuntive per precauzione), in Irlanda del Nord la scorsa settimana è stata la più mortale dall’inizio della pandemia, con un numero record di casi e un totale di 156 decessi aggiuntivi, a seguito di record simili nel paese vicino. repubblica d’Irlanda. Il governo locale dell’Irlanda del Nord ha già deciso di estendere il confinamento e lo stesso è ora previsto da Dublino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *