Nené è andato da Tilburg a un attico in Italia

Nené è andato da Tilburg a un attico in Italia

Nené è andato da Tilburg a un attico in Italia

Nené Kiameso (26) è cresciuto con una madre single a Tilburg-Noord che non era sempre in grado di pagare le quote del club di basket. Un grande contrasto con la sua vita adulta in cui ha realizzato il suo sogno di basket professionistico. Ha superato molte avversità. “Ora voglio restituire qualcosa al quartiere”.

La parola casa ha un solo significato per Nené: Tilburg-Noord. “Ricordo ancora di aver giocato ogni estate sul campo da basket di Offenbachstraat. All’inizio non mi piaceva il basket, preferivo il calcio. Ma tutti i miei amici praticavano questo sport e io volevo farne parte. Quando ho notato che potevo farlo bene, è scattato e volevo migliorare sempre di più.

sguardi strani

Sul campo da basket, Nené ne fa subito parte. Ma non era così quando è entrato a far parte di un club di basket. “Mia madre spesso non poteva venire alle gare. Doveva lavorare e non aveva una macchina. Ho ricevuto sguardi strani dai genitori dei compagni di squadra perché mi presentavo sempre da solo. Presto mi sono sentito un bersaglio, come se questi adulti pensassero: non c’è nessun altro che possa difenderlo. Alla fine, non mi è stato nemmeno permesso di allenarmi perché non potevamo pagare la quota associativa.

ragazzi di strada

Il Tilburger non può contare sulle dita di una mano quante volte avrebbe voluto smettere di giocare a basket a causa di quelle esperienze. Non importava che fosse andato dall’altra parte. Da bambino ammirava i “criminali” del quartiere. “I ragazzi per strada dicevano, ‘Non abbiamo altra scelta. Sì, perché hai talento come giocatore di basket. Divertirsi. Neanch’io sono santo, con me poteva finire diversamente. Ragazzi che sono finiti in carcere minorile, li conosco bene. Avrei potuto sedermi lì.

Il testo continua dopo la foto >

Nené Kiameso ha giocato a basket in America e in Italia, ma visita spesso Tilburg-Noord. Foto: distretto di Tilburg

L’occasione di una vita

All’improvviso, c’era davvero un’opportunità che non aveva mai visto arrivare. Nené è stato scelto per giocare per l’Ajax dal mondo del basket, le Torri Eiffel Den Bosch [nu Heroes Den Bosch, red.]. Come ha funzionato? “Dovevo mettermi alla prova con uno scout durante una partita, ma non avevo mezzi di trasporto. Il padre di Gavin, un mio amico, mi ha detto: “Fai le valigie e vieni a dormire con noi. Quindi ti porterò. All’inizio non sapevo di essere stato selezionato, perché la nostra connessione Internet era stata interrotta perché non potevamo permettercelo.

Il suo più grande esempio

Quando Nené ha giocato a basket a livello di Premier League, si sono presentate un’opportunità dopo l’altra. A 15 anni, ad esempio, ha ricevuto una borsa di studio per frequentare il liceo negli Stati Uniti e giocare lì a basket. Da quel momento in poi, tutti conoscevano il suo nome. All’età di 16 anni, ha gareggiato alle Olimpiadi per i Paesi Bassi. In questa squadra a volte si è accorto di essere diverso dagli altri ragazzi. Ad esempio, il NOC*NSF ha chiesto a lui e ai suoi compagni di gioco: chi è il tuo modello? “È stato divertente. Tutti immaginavano grandi eroi dello sport come Sven Kramer o Michael Jordan. La mia risposta è stata: mia mamma. I ragazzi del team hanno pensato: perché? Non sarei qui senza di lei. Le devo davvero tutto, lei è ancora il mio più grande esempio.

Tutto e ‘bene quel che finisce bene?

Dopo il suo esperienza liceale ha seguito una carriera sportiva di alto livello in Europa. Nené ha giocato in stadi affollati e ha firmato diversi contratti con club professionistici europei. tutto e ‘bene quel che finisce bene? “No, quando sono tornato in Olanda nel 2018 ho avuto un’ernia. È successo quando stavo per giocare in un club in Belgio due settimane dopo. Ho dovuto imparare di nuovo a camminare. Durante la riabilitazione, ho dovuto lottare così duramente tornare. Non volevo rinunciare al mio sogno”.

READ  domani V-Day in Italia (e in tutta Europa)

“Ho vissuto il mio sogno”

Nené ha dato tutto all’Olanda per riprendersi. È successo quello che nessuno osava prevedere: dopo i primi passi ha imparato anche a dribblare e tuffarsi di nuovo. “Ho vissuto il mio sogno dopo un duro lavoro e ho potuto tornare a fare sport a livello professionistico. Non è successo in Belgio, ma in Italia. Lì ho vissuto in un grande attico.

persona da baciare

Nené era di nuovo in cima, ma non lo era. “Quelli sono stati gli anni più difficili della mia vita, soprattutto a causa del periodo corona. Il confinamento in Italia era molto severo, quindi sono stato rinchiuso da solo per giorni. A Natale ero anche solo nel mio attico. Non c’era nessuno da baciare. Alla fine sono stato licenziato in Italia perché non volevo prendere il vaccino contro il coronavirus. È stato molto difficile per me fare questa scelta, perché penso che ognuno dovrebbe decidere da solo.

La migliore decisione

La solitudine e il licenziamento improvviso hanno fatto molto a Nené, tanto che ha sviluppato la depressione. Ha trovato sostegno dalla sua psicologa, sua madre e la sua ragazza, ma anche da altri circoli. “Vengo da una famiglia religiosa e ho sempre avuto il sostegno di Dio. Ma è stato come vedere la luce in Italia. Ecco perché sono stato battezzato a Tilburg South. La decisione migliore che abbia mai preso.

Foto: distretto di Tilburg

Impatto sulla prossima generazione

Nené ora sente di poter riconquistare il mondo. Spera di iniziare presto a lavorare in un nuovo club, ma è anche impegnato con i giovani. “Volevo restituire qualcosa ai giovani del quartiere, ed è diventato il progetto di basket BLACK OPS. Ogni estate gioco a basket con i ragazzi sul campo di Offenbachstraat. Porto giocatori di basket professionisti da tutta Europa a Tilburg-Noord. Perché dovrei invitarli ad Amsterdam oa Bruxelles se si può fare anche nel mio quartiere?Per loro venire qui è un segno del rispetto che mi sono guadagnato negli anni.

READ  Il team Corratec conferma l'arrivo di Alexander Konychev

Esempi di caratteristiche per persone di colore

Nené ritiene che sia necessario prestare maggiore attenzione alle persone di colore che svolgono ruoli esemplari nello sport ad alte prestazioni. “Sono stato in contatto con la criminalità e sono stato espulso dalla scuola? SÌ. Ma queste situazioni mi hanno reso più forte e ho realizzato molto più di quanto mi aspettassi. Come gli altri ragazzi del quartiere, dovevo aiutare mia madre con tutte le dichiarazioni dei redditi perché non parlava la lingua. Voglio dire, anche qualcuno con le stesse esperienze può ottenere tutto questo. Non solo nei Paesi Bassi, ma anche in Angola, il paese da cui provengo. Lì, come ho fatto a Tilburg, voglio insegnare ai giovani a giocare a basket.

Questo articolo è una collaborazione con Full Color Tilburg, che dà un palcoscenico al colore a Tilburg. In una rivista, mettiamo in evidenza le storie di concittadini di origine biculturale. Questa intervista è un assaggio.

Leggi anche…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *