Netflix per affrontare la condivisione delle password e testare gli annunci

netflix perso lo scorso trimestre 200.000 abbonati paganti, mentre si aspettava altri 2,5 milioni. L’azienda è caduta bruscamente sul mercato azionario e un cambio di rotta è in arrivo: Netflix ora affronterà davvero la condivisione degli account. Dall’ultimo mese Netflix lo sta già testando in Cile, Costa Rica e Perù, entro un anno, Netflix mira a reprimere la condivisione delle password in tutto il mondo.

Netflix aumenta quindi il prezzo per le persone che condividono i propri account, che Netflix può vedere dagli indirizzi IP dell’utente e dalle informazioni sul dispositivo. “Dobbiamo fare soldi con loro”, ha detto il CEO di Netflix Reed Hastings dei 100 milioni di persone che continuano a cavalcare sul conto di qualcun altro.

Ciò avverrà presto sia costringendo il proprietario a pagare di più, sia dissuadendo questo proprietario e interrompendo la condivisione dei dati di accesso. Per inciso, durante gli anni del boom, Hastings ha costantemente definito la condivisione dell’account una “cosa positiva”. La società ha 221,6 milioni di abbonati a pagamento.

Circa il 34% di tutti gli utenti di servizi di streaming olandesi guarda l’account di qualcun altro, si è scoperto all’inizio di quest’anno ricercare dal sito di confronto Pricewise.

Annunci negoziabili per la prima volta

È probabile che anche Netflix sperimenterà con gli annunci. Il CEO Hastings è stato severo contro la pubblicità su Netflix per anni, ma ora ci sta tornando. “Sono un grande fan della semplicità degli abbonamenti”, afferma Hastings. “Ma credo ancora di più nella scelta del consumatore e nel consentire ai consumatori che tollerano gli annunci a un prezzo inferiore”.

READ  Elezioni del Consiglio dell'Acqua a picche: in vista la fine dei seggi contadini 'antidemocratici' | Politica

Netflix non è il primo streamer a offrire un abbonamento più economico con la pubblicità. Videoland lo fa dal 2020Disney+ seguirà entro la fine dell’anno e negli Stati Uniti ci sono già diversi servizi con piani pubblicitari più economici. Per Netflix, è una svolta: negli ultimi anni Hastings ha smentito le voci secondo cui Netflix offriva un tale modello pubblicitario.

Netflix attualmente offre tre piani, con differenze nella qualità dell’immagine e nel numero di profili che possono essere visualizzati contemporaneamente. L’abbonamento base più economico costa 7,99 euro al mese, l’abbonamento standard più popolare costa 11,99 euro al mese e l’abbonamento premium con qualità 4K costa 15,99 euro al mese. Questo rende Netflix il più costoso dei principali servizi video.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.