Non sta proprio bene: il restringimento sembra inevitabile – Opinione Hans de Jong

Non sta proprio bene: il restringimento sembra inevitabile – Opinione Hans de Jong



Shutterstock


Opinione Hans de Jong



Oggi 09:00

La Commissione Europea è più cupa sull’inflazione olandese. Gli economisti sono più cupi sull’economia tedesca. La probabilità di una recessione negli Stati Uniti aumenta vertiginosamente, mentre la Cina si contrae e il surplus commerciale russo aumenta vertiginosamente. Cerco davvero di scoprire quanti più aspetti positivi possibili in tutti i tipi di sviluppi. Lo faccio perché la mia esperienza mostra che l’economia è resiliente e la maggior parte delle cose alla fine crollerà in un modo o nell’altro. Ma ora sto lottando per trovare un angolo positivo.

L’erosione del potere d’acquisto continua. La Commissione Europea ha rivisto la stima dell’inflazione media nel nostro Paese per l’anno in corso dal 7,4% di aprile al 9,4% attuale. Questo è un bel cambiamento in un periodo di tempo così breve. Questo aggiustamento la dice lunga anche sulle aspettative per il secondo semestre. Ora abbiamo dati sull’inflazione fino a giugno compreso. La media è del 9,6%. Quindi, se vogliamo arrivare al 9,4% per l’anno, la media del secondo semestre sarà del 9,2%.

La Commissione pertanto non prevede un calo significativo dell’inflazione nel prossimo futuro. Questo cambierà l’anno prossimo, perché entro la fine del 2023, secondo la Commissione, l’inflazione sarà solo del 2,3%. Questo è possibile se i prezzi dell’energia scendono. Il petrolio è diventato più conveniente ultimamente. Divenuto saggio per tentativi, ho detto ancora: “Sappiamo che dalla Commissione, tra un anno e mezzo tutto andrà meglio. Il problema è che quei bei tempi vengono spinti sempre più nel futuro”.

Il periodo di contrazione si avvicina
Sebbene i consumatori stiano ancora attingendo alle riserve accumulate durante la pandemia, un colpo alla spesa dei consumatori è inevitabile. A ciò si aggiunga il fatto che i tassi di interesse sono aumentati notevolmente e non ci si dovrebbe aspettare che il bilancio statale stimoli l’economia. È molto probabile che l’economia olandese, insieme ad altre economie europee, vivrà un periodo di contrazione. Questa settimana, lo ZEW tedesco ha pubblicato i risultati del suo sondaggio mensile di economisti e analisti sulla situazione e le prospettive economiche della Germania. Dopo lo scoppio della guerra, la componente delle aspettative era nettamente diminuita, per poi migliorare nuovamente a maggio e giugno. Un altro calo è seguito a luglio. Questo sottoindice ha raggiunto un livello inferiore rispetto a marzo 2020. Anche la valutazione della situazione attuale è peggiorata.

READ  Giocattoli pericolosi per bambini facili da vendere tramite Bol.com - Radar
Fonte: feed di dati Refinitiv

Il rischio di recessione negli Stati Uniti è aumentato notevolmente
Per gli Stati Uniti (USA), sono stato a lungo più ottimista. Questa economia è ovviamente meno colpita dalla guerra in Ucraina ed è autosufficiente dal punto di vista energetico. Di conseguenza, l’aumento dei prezzi dell’energia non comporta un impoverimento del Paese, poiché le famiglie hanno accumulato risparmi significativi su cui ora possono fare affidamento per sostenere la spesa dei consumatori. Sfortunatamente, gli ultimi dati statunitensi non sono molto ottimisti. Innanzitutto, la curva dei rendimenti è ora veramente invertita. Ciò significa che il rendimento effettivo dei titoli di Stato a due anni è ora di circa 20 punti base superiore a quello dei titoli di Stato a dieci anni. Vedremo se continua o meno. Ma in passato, questo differenziale dei tassi di interesse si è dimostrato un buon predittore di recessioni.

Fonte: Riserva federale di St. Louis

La fiducia dei consumatori era già fortemente diminuita. Oggi, anche la fiducia degli imprenditori nelle PMI è fortemente diminuita. L’indice di fiducia della National Federation of Independent Business (NFIB) è sceso da 93,1 di maggio a 89,5 di giugno.

Fonte: feed di dati Refinitiv

Trovo interessante questo indice NFIB e nella foto successiva mostro quanto è cambiato l’indice rispetto a un anno prima. Il calo negli ultimi dodici mesi è il più grande in 35 anni. Questo sondaggio ha 48 anni. Mai prima d’ora la percentuale di intervistati che si aspetta un miglioramento dell’economia nei prossimi dodici mesi è stata così bassa come oggi.

Fonte: feed di dati Refinitiv

Il mercato del lavoro statunitense è molto teso, ma attualmente si sta deteriorando. Sebbene ci siano quasi due offerte di lavoro per disoccupato, secondo il rapporto, il numero di richieste di disoccupazione sta attualmente aumentando a un ritmo rapido. Nella settimana del 9 luglio sono state registrate 244.000 nuove domande, il numero più alto da novembre dello scorso anno.

Fonte: feed di dati Refinitiv

L’inflazione statunitense continua a salire
Continua a salire anche l’inflazione statunitense: 9,1% a giugno contro l’8,6% di maggio. L’inflazione core è leggermente diminuita, ma al 5,9% (contro il 6,0% di maggio) è rimasta ben al di sopra dell’obiettivo del 2% fissato dalla Fed.

READ  In Ue minaccia il blocco temporaneo di Facebook e Instagram: lo ha preceduto | ADESSO
Fonte: feed di dati Refinitiv

Anche l’inflazione statunitense continua a salire. Poiché i valori anomali possono influenzare fortemente una media, la Cleveland Fed calcola quello che è noto come “16% di CPI ridotto”. Questa serie non tiene conto degli aumenti di prezzo più forti dell’8% e dell’8% più deboli. L’inflazione così calcolata è ora del 7%.

Fonte: feed di dati Refinitiv

A causa della carenza di manodopera, anche la crescita salariale continua ad accelerare, come mostrato nella tabella seguente. L’aumento dei salari alimenta anche il processo di inflazione.

Fonte: Federal Reserve di Atlanta

La Fed (dovrebbe) certamente aumentare un po’ di più i tassi di interesse. Eppure, l’inflazione negli Stati Uniti non dovrebbe scendere a breve. Ho regolarmente sottolineato l’importanza degli affitti nel quadro dell’inflazione. Insieme, gli affitti effettivi e gli affitti imputati ai proprietari rappresentano circa il 33% del paniere di inflazione. Negli Stati Uniti, gli affitti seguono con un ritardo l’evoluzione dei prezzi delle case. Sebbene i tassi di interesse più elevati stiano portando a un certo raffreddamento nel mercato immobiliare, è più probabile che gli aumenti degli affitti accelerino piuttosto che diminuiscano nei prossimi mesi. L’aumento degli affitti si avvicina ora al 6%. Se la cifra principale dell’inflazione deve aumentare al 2% e gli affitti aumentano del 6%, tutti gli altri prezzi insieme non dovrebbero aumentare affatto. Beh, in questo momento non sembra proprio così.

Fonte: feed di dati Refinitiv

La Cina si sta restringendo
L’economia cinese si è contratta del 2,6% nel secondo trimestre rispetto al primo. È stata la cifra peggiore dal primo trimestre del 2020. Anno su anno, il PIL cinese è stato solo dello 0,4% al di sopra del secondo trimestre dello scorso anno, dopo il 4,6% nel primo trimestre.

Fonte: feed di dati Refinitiv

Naturalmente, questo sviluppo deludente è stato causato principalmente dalle misure di contenimento. Altri dati mostrano che il periodo marzo-maggio è stato particolarmente debole. Alcune misure di contenimento sono state revocate a giugno. La crescita della produzione industriale, ad esempio, è leggermente accelerata a giugno: 3,9% in un anno contro lo 0,7% di maggio. Le vendite al dettaglio hanno superato le aspettative per giugno. Le vendite sono aumentate del 3,1% anno su anno, dopo aver registrato -11,1% e -6,7% ad aprile e maggio.

READ  Apple batte il record di Wall Street con una capitalizzazione di mercato di oltre 3 trilioni di dollari | Tecnologia
Fonte: feed di dati Refinitiv

A causa dell’inefficace vaccino contro il Covid-19 della Cina e della politica di tolleranza zero del governo cinese in caso di focolaio di infezioni, la Cina minaccia di diventare un’economia “stop-go”. Molto noioso per il resto del mondo. Le esportazioni cinesi hanno recuperato a giugno, +17,9% anno su anno, ma il valore delle importazioni è aumentato solo dell’1,0%. Data l’evoluzione dei prezzi, ciò implica un sostanziale “meno” in volume.

Fonte: feed di dati Refinitiv

Parliamo della Russia
Le sanzioni contro la Russia non hanno ancora posto fine alla guerra. Hanno conseguenze economiche misurabili. Alla fine, la cessazione delle esportazioni verso la Russia diventerà un problema per questo paese poiché rimane privo di parti essenziali per macchinari, veicoli e installazioni. Paradossalmente, questo divieto di esportazione, unito all’aumento dei prezzi dell’energia, ha un impatto positivo sul saldo delle partite correnti della Russia, come mostrato nell’immagine seguente.

Fonte: feed di dati Refinitiv

Abbiamo anche cercato di rendere inutilizzabile la riserva valutaria russa. Non potrebbe mai riuscire. I dati mostrano che ultimamente la Russia ha prosciugato le proprie riserve valutarie. Ma questo è niente rispetto ai periodi precedenti.

Fonte: feed di dati Refinitiv

Chiusura
I dati macro di questa settimana possono essere riassunti brevemente. L’economia globale non sta andando molto bene. Nel nostro Paese l’inflazione resta superiore alle attese e mi sembra inevitabile un periodo di contrazione economica. Cresce anche il rischio di una recessione negli Stati Uniti. Sfortunatamente, la Cina rischia di diventare una “economia stop-go” a causa del probabile e regolare ritorno delle chiusure. Inoltre, non è favorevole a uno sviluppo economico favorevole per noi. E infine, le sanzioni che abbiamo imposto alla Russia non hanno in alcun modo un impatto negativo sulla posizione esterna della Russia.

farmersbusiness.nl

Han de Jong

Han de Jong è un ex capo economista presso ABN Amro e ora economista residente presso BNR Nieuwsradio, tra gli altri. I suoi commenti possono essere trovati anche su Crystalcleareconomics.nl

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *