Non tutti al PvdA piangono la partenza di Ploumen: ‘Ha appena fallito’

Non tutti al PvdA piangono la partenza di Ploumen: ‘Ha appena fallito’

La fazione del PvdA è rimasta scioccata quando questa mattina Ploumen, 59 anni, ha improvvisamente segnalato alla riunione settimanale del gruppo che si sarebbe dimessa da leader e avrebbe lasciato immediatamente la Camera dei rappresentanti. Ha guidato il partito per quindici mesi dopo che Lodewijk Asscher si è dimesso per la questione delle indennità.

I colleghi erano tristi, dice il vicepresidente del partito Henk Nijboer, con Kati Piri una delle poche ad aver saputo poco prima che Ploumen non voleva più continuare.

Non il leader ideale

“Le abbiamo chiesto se era sicura, ma non poteva cambiare idea”, dice Nijboer. La sua decisione è stata presa e lui la rispetta. “È stata davvero una sua decisione”, dice. “Lei stessa è giunta alla conclusione che non era come si aspettava. Non c’è niente di cui biasimarla.”

Ploumen ha mostrato una notevole quantità di autoriflessione nella sua dichiarazione. Lei ha riconosciuto che non è stata all’altezza† “La leadership del partito non mi sta bene e non sono il leader ideale del nostro partito”, ha detto.

Una parlamentare del PvdA che non vuole essere nominata dice che pensa che la sua decisione sia coraggiosa. “Mostra una vera leadership. Molti uomini all’Aia possono ammirarlo. È stato davvero un tuono, eravamo nel gruppo a fissarci l’un l’altro a bocca aperta”.

“Troppo duro con se stesso”

Ieri sera, l’amico politico Jesse Klaver (GroenLinks) ha ricevuto una telefonata dalla sua “fidanzata” Ploumen. GroenLinks e PvdA hanno deciso di collaborare intensamente lo scorso anno. Cosa significa questo per il loro matrimonio? “Non è un matrimonio tra due persone, ma tra due movimenti”, dice Klaver. Presume che continuerà la collaborazione con il successore di Ploumen. “Penso che sia troppo dura con se stessa. Penso che sia stupido, siamo ancora amici”.

READ  Vaccino AstraZeneca, in Lombardia chiede danni per 10mila euro

Non tutti piangono anche la sua partenza. L’ex presidente del partito Hans Spekman aveva precedentemente definito il PvdA sotto Ploumen “acqua morta”. “Apprezzo molto il fatto che abbia voluto tirare il carro dopo la partenza di Lodewijk Asscher”, dice ora. “Ma le mancava solo la larghezza, soprattutto dal punto di vista socio-economico. È positivo che osi ammetterlo lei stessa”.

Gruppo in confusione

Un membro influente del PvdA ha detto su questo argomento: “L’autoriflessione di Ploumen è corretta, ma al momento abbiamo a che fare con un gruppo confuso. E lasciare un partito in confusione come questo, penso sia estremamente irresponsabile ed egoista”. Sei mesi più o meno non avrebbero fatto la differenza, ritiene il membro del PvdA. “Non lo voleva più.”

Un veterano dice: “Uno dei membri del partito ha fatto capire la scorsa settimana che le cose non stavano andando bene nel gruppo. E prima ho sentito che Ploumen era molto insicuro e ha inseguito gli altri. Ad un certo punto, ovviamente, è bastato”.

vigliaccamente

Secondo il membro del PvdA, ci sono ancora molte lamentele su come Ploumen sarebbe “caduto” nella formazione. Sotto la sua guida, il PvdA e GroenLinks hanno voluto agire insieme durante la formazione. Di conseguenza, la partecipazione al governo è diventata praticamente impossibile per il PvdA. “Ovviamente tutti ora dicono che è coraggiosa ed è vulnerabile. Ma penso che sia una codarda. Stai abbandonando il tuo partito perché le prossime elezioni generali sono tra tre anni”.

Chi gli succederà? Il gruppo eleggerà presto un nuovo presidente. I nomi citati sono leader esperti come Attje Kuiken, Khadija Arib e Henk Nijboer, o il nuovo parlamentare Kati Piri. Nessuno vuole dire nulla al riguardo in questo momento. “Ora non è il momento per quello”, ha detto.

READ  L'Agenzia delle Entrate controlla anche i bancomat: ecco come

Organizza una festa riconoscibile

Un altro parlamentare PvdA: “Oggi è il giorno di Lilianne. Domani si può cominciare a pensare a come procedere. Non mi aspetto che si sappia subito chi sarà il successore. Tra due mesi non ci sono elezioni, quindi non ce n’è bisogno. ” direttamente. La fazione in realtà non si imbatte immediatamente in sette fossati in una volta”.

Secondo l’ex presidente del partito Spekman, è importante che venga qualcuno che possa dare un volto e un profilo al PvdA. “Ecco perché al momento non dovremmo parlare di fusioni di sinistra. Può succedere ad un certo punto, ma deve venire dal suo stesso profilo. Innanzitutto creare un partito riconoscibile per le persone che stanno attraversando un periodo così difficile”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *