NS pensa che “la folla peggiore sia stata”, il sindacato teme che il peggio debba ancora venire |  ADESSO

NS pensa che “la folla peggiore sia stata”, il sindacato teme che il peggio debba ancora venire | ADESSO

Dopo settimane di treni pieni, il NS crede che la folla peggiore sia finita, ha detto la compagnia a NU.nl. Il sindacato dei ferrovieri è molto meno ottimista e teme addirittura che il peggio debba ancora venire.

Il NS si aspetta che la folla peggiore sia dietro di noi quando si tratta di treni sovraffollati, nonostante ci sia la parità 7 novembre passeranno ancora meno treni.

“Abbiamo ridotto il calendario rispetto al periodo prima del corona”, spiega il portavoce. Ciò riguarda il 13% in meno di treni. Nel frattempo, il numero di viaggiatori non è ancora ai livelli pre-coronavirus. Attualmente ci sono circa il 20% in meno di persone, dice.

Il sindacato FNV Spoor è meno ottimista. Mercoledì, il sindacato ha raggiunto un accordo con le NS su un piano per l’impiego di guardie di sicurezza assunte come “secondi conduttori” sul treno. FNV Spoor parla di “misura di emergenza”.

Il fatto che il sindacato sia costretto a prendere una tale misura di emergenza indica già che c’è ancora poca capacità, afferma il direttore di FNV Spoor Henri Janssen. “Altrimenti non avremmo dovuto essere d’accordo su questo”, dice.

Anche i reclami sui treni a blocchi dipingono un quadro meno roseo. Volletreinen.nl ha ricevuto finora 2.357 segnalazioni nel solo mese di ottobre. Sono più di seicento in più rispetto a settembre.

Ancora alle prese con le “iperparole”

Il NS sottolinea che settembre è il mese più trafficato. “È perché la scuola e il lavoro riprendono dopo le vacanze estive. “Ad ottobre di solito è un po’ meno affollato”.

Inoltre, settembre è stato un brutto mese in termini di incidenti. Il portavoce indica l’autobus fermo nella corsia in cui è stato colpito Bergen su Zoom e lavori di riparazione in pista dopo un’interruzione di corrente Flevolandia.

READ  Manovra, bonus telefono: ecco come ottenerlo

Janssen è d’accordo con NS sul fatto che settembre è solitamente il mese più impegnativo, ma non si aspetta che i problemi vengano risolti ora. “Devi ancora avere a che fare con due ‘iperrush'”, dice, riferendosi alle ore di punta mattutine e serali. Secondo lui, mancano ancora personale e attrezzature.

Con la suddetta misura di emergenza, FNV Spoor vuole aumentare la capacità e ridurre il carico di lavoro. Ma è una soluzione temporanea: “Spero che le NS assumeranno, formeranno e formeranno il personale in massa in un breve periodo di tempo”, afferma Janssen.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *