Nuova fonte di metalli rari: gli scienziati estraggono il litio dall’acqua











Gli scienziati del Pacific Northwest National Laboratory del Dipartimento dell’Energia degli Stati Uniti, in collaborazione con diverse aziende, stanno testando un metodo per estrarre il litio dalle acque reflue utilizzando nanoparticelle magnetiche. La tecnologia offre speranza: saremo presto in grado di estrarre metalli rari localmente?

Il litio è un elemento essenziale nelle batterie di quasi tutti i dispositivi elettronici, dai telefoni al… batteria per auto elettrica† A causa della transizione energetica, la domanda di metallo raro dovrebbe solo aumentare. E questa è una sfida, perché le forniture sono limitate. Si stima che circa la metà della fornitura mondiale di litio si trovi nel “triangolo del litio” al confine con Cile, Bolivia e Argentina. Inoltre, l’estrazione del litio ha un notevole impatto ambientale sull’ambiente circostante.

Altre fonti di litio

Sta quindi diventando sempre più importante per i paesi trovare nuove fonti di litio. E per fortuna ci sono. Ad esempio, il litio si trova anche nell’acqua pompata dai giacimenti di petrolio e gas negli Stati Uniti e in Canada. Tuttavia, è molto difficile separare il litio dall’acqua.

Nanoparticelle magnetiche

Ma gli scienziati ora hanno una soluzione per questo. Hanno sviluppato minuscole particelle di ferro magnetico circondate da una guaina assorbente. Il litio nelle acque reflue si lega al ferro. Quindi peschi il ferro, con il litio attaccato, fuori dalle acque reflue usando un potente magnete. Gli scienziati stimano che se solo il 25% del litio in quest’acqua venisse catturato oggi, sarebbe uguale all’attuale produzione globale annuale.

READ  1 persona su 3 a rischio di trauma pandemico

Litio puro, costi ridotti

Inoltre, la tecnica può essere più economica dell’estrazione mineraria tradizionale. “Grazie alle nanoparticelle magnetiche, ci aspettiamo che il concentrato risultante sia molto puro. Questo più che dimezza il costo dell’ulteriore elaborazione”, ha affermato il CEO Jerry Mills di Moselle, la società del Texas che ha brevettato la tecnologia. La ciliegina sulla torta, le nanoparticelle possono essere utilizzate più volte.

L’azienda olandese estrae il litio tedesco

I ricercatori vedono anche opportunità per estrazione di litio impianti geotermici e miniere di salamoia. Queste fonti di litio vengono sfruttate anche più vicino a casa. La società Vulcan vuole estrarre tonnellate di litio dalle miniere di salamoia nella regione tedesca del Reno. Anche se ci vorrà almeno il 2023 prima che sia possibile realizzare un impianto su scala commerciale.













Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *