Nuova legge: un bambino non può più essere espulso dopo la morte dei genitori |  Politica

Nuova legge: un bambino non può più essere espulso dopo la morte dei genitori | Politica

I bambini i cui genitori sono morti non dovrebbero più essere sfrattati dalle loro case. La maggioranza alla Camera dei rappresentanti vuole un divieto legale.

I figli divenuti orfani devono poter continuare a vivere nella casa in affitto dove già vivevano con i genitori fino all’età di 28 anni. Martedì VVD, ChristenUnie, GroenLinks e BBB presentano una legge di iniziativa in modo che i bambini non debbano preoccuparsi di dover cambiare casa. La maggioranza in parlamento sostiene la proposta.

I dati del Central Bureau of Statistics (CBS) mostrano che ogni anno circa 205 giovani tra i 16 ei 30 anni diventano orfani. In media, 82 di loro vivevano con i genitori in una casa di una società di alloggi al momento del disastro. Secondo il deputato del VVD Daniel Koerhuis, “diversi orfani sono stati sfrattati dalle aziende” negli ultimi anni dopo la morte dei loro genitori. L’azienda ha stretto accordi con le aziende per non costringere i bambini in tali situazioni a muoversi rapidamente, ma secondo Koerhuis succede ancora: “Nessun orfano dovrebbe mai più ricevere questo trattamento disumano”.

Riduzione affitto


Nessun bambino orfano dovrebbe mai più subire questo trattamento disumano

Daniel Koerhuis, VVD

Il disegno di legge stabilisce ora che le società di alloggi hanno l’obbligo di lasciare i bambini a casa. Anche se è ancora in vita un altro genitore, ma con il quale, ad esempio, per divorzio conflittuale o problemi di droga, non ci sono più contatti. Se un bambino non può pagare l’affitto, la società deve ridurre l’affitto. Poiché riguarda solo poche decine di pratiche all’anno, non comporta grandi importi per le aziende. Quando il figlio compie i 28 anni, la società deve fornire un alloggio alternativo adeguato.

READ  Le organizzazioni ActiZ e Zorgthuisnl sono ancora d'accordo sull'accordo sanitario | ADESSO

Secondo la deputata Lisa Westerveld (GroenLinks), si tratta di “storie strazianti di giovani a cui è stato raccontato nel mezzo del processo di lutto che hanno dovuto lasciare le loro case”. “E in alcuni casi finiscono persino in rifugi per senzatetto”.

Koophuis

Il disegno di legge non si applica ai proprietari privati. Potrebbe essere legalmente più difficile richiedere loro, ad esempio, di fornire un alloggio adeguato. Per inciso, gli iniziatori indicano di non conoscere esempi di proprietari privati ​​che sfrattano orfani. In una spiegazione del disegno di legge viene citato l’esempio di Annica, 19 anni, di Didam. È diventata nel 2020 messo in strada da una società immobiliare e gli è stata offerta una casa da un proprietario privato.

Il governo precedente ha già preso accordi per gli orfani i cui genitori possedevano una casa. In passato, a volte erano costretti a vendere la casa in cui vivevano, altrimenti non potevano pagare l’imposta di successione. A loro ora si applica un regime separato, il che significa che beneficiano di un differimento del pagamento.

Ascolta anche il nostro podcast Politics Close e iscriviti tramite Spotify O Mela:



Guarda tutti i nostri video di politica qui:

READ  fattura nell'anno e fine lavori nel 2022, prevale il vincolo MEF

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *