Nuovo ritardo nella costruzione di un impianto di azoto in alternativa al gas a Groningen |  interni

Nuovo ritardo nella costruzione di un impianto di azoto in alternativa al gas a Groningen | interni

La costruzione di un nuovo impianto di azoto a Zuidbroek a Groningen è stata nuovamente rinviata. L’impianto è necessario per smettere di pompare gas da Groningen.

L’impianto di azoto è una parte essenziale della futura fornitura di gas dei Paesi Bassi. È stato concordato politicamente di interrompere infine il pompaggio di gas a Groningen a causa dei numerosi terremoti causati dall’estrazione di gas. Il gas di Groningen è sostituito dall’importazione di gas naturale liquefatto, GNL.

Ma questo GNL non è adatto per l’uso diretto. Il gas di Groningen è a basso potere calorifico, il GNL ad alto potere calorifico. Se il gas ad alto potere calorifico viene pompato attraverso i tubi in questo modo, le stufe si scioglierebbero, per così dire.

Per questo il GNL deve essere arricchito con azoto in modo che abbia anche un basso potere calorifico e sia adatto al riscaldamento delle case e alla cucina. E questo richiede la fabbrica di Zuidbroek. La fabbrica apparterrà a Gasunie. Ma il contratto di costruzione è stato subappaltato alla American Air Products. Organizza e coordina la costruzione.

disputa

Tuttavia, la costruzione, già in gran parte completata, si è nuovamente interrotta. C’è un’altra battaglia tra Air Products e la società di costruzioni in subappalto Ballast Nedam. Air Products ha mostrato alla casa automobilistica la porta perché non rispettava gli accordi, afferma la società. Ballast Nedam afferma che la colpa è proprio del cliente.

Questo non è il primo ritardo. La fabbrica, infatti, avrebbe dovuto essere pronta all’inizio dello scorso anno. Ma a causa della carenza di personale e delle controversie, questa consegna è già stata ritardata. E ora la domanda è come e quando l’impianto sarà pronto.

READ  Postepay, acquisti bloccati se Web Security non è attivata

Fortuna

Lo sarà anche quest’anno, spera Gasunie. Fortunatamente, la fabbrica non è immediatamente necessaria. A causa del caldo, la domanda di gas è inferiore. “Ora abbiamo abbastanza gas in deposito e ci sono abbastanza importazioni di GNL. Questo gas può ora essere arricchito in altri impianti di azoto”, spiega il portavoce di Gasunie. Anche se si blocca molto gravemente, c’è abbastanza scorta, sembra.

Ma quest’anno deve essere importato più gas, principalmente GNL. Altrimenti, avremo una carenza nel 2023. Ecco perché è necessario un secondo terminale GNL a Terneuzen. E per tutto quel GNL extra, è necessario l’impianto di azoto di Zuidbroek. La costruzione può quindi essere fermata per un po’ senza avere conseguenze, ma il problema va risolto in fretta, sottolinea Gasunie.

Unisciti alla conversazione.
Puoi rispondere in fondo a questo articolo. Verranno pubblicati solo commenti rispettosi con un nome completo. Lo facciamo perché vogliamo una conversazione con persone che si attengono a ciò che dicono e quindi ci mettono il loro nome. Coloro che devono ancora inserire il proprio nome possono farlo cliccando su ‘Accedi’ in alto a destra nel nostro sito.

Guarda i nostri video di notizie nella playlist qui sotto:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *