Oltre 4.300 rifugiati ucraini al lavoro nei Paesi Bassi |  Finanziario

Oltre 4.300 rifugiati ucraini al lavoro nei Paesi Bassi | Finanziario

In circa il 40% delle registrazioni presso l’UWV, un rifugiato ucraino lavora attraverso un’agenzia di collocamento. Attraverso questo percorso trovano lavoro principalmente come addetti alla produzione, addetti alle pulizie o magazzinieri. Circa l’11% lavora nell’agricoltura e nell’orticoltura. Anche l’industria della ristorazione rappresenta l’11%. Seguono i servizi alle imprese con il 9%. I rifugiati stanno già lavorando anche nei trasporti e nella logistica.

I rifugiati ucraini ora lavorano principalmente a Randstad. La maggior parte (12%) trova lavoro ad Amsterdam nel settore dell’ospitalità e attraverso agenzie di lavoro interinale. I rifugiati trovano spesso lavoro anche a Gouda, Leiden, Zoetermeer (11%) e Haaglanden (9%).

Prevenire gli abusi

Un totale di 47.930 rifugiati ucraini nei Paesi Bassi sono ora registrati nel database dei documenti personali (BRP). Quasi il 10 per cento di quel numero è ora impiegato. I datori di lavoro non sono tenuti a richiedere un permesso di lavoro per i rifugiati ucraini. Tuttavia, da aprile devono riferire all’UWV se assumono un rifugiato. In questo modo, l’UWV spera di identificare e ridurre il rischio di abusi. Se un datore di lavoro non denuncia l’assunzione di un rifugiato ucraino, può seguire una multa.

READ  65 miliardi di euro di sostegno all'inflazione per i tedeschi: "Non dimenticheremo nessuno"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *