Oltre 6.000 voli cancellati in tutto il mondo durante il weekend di Natale – Europa

Quasi 6.000 voli sono stati cancellati dalle compagnie aeree mentre altri migliaia sono stati ritardati in tutto il mondo durante il fine settimana di Natale a causa della variante Omicron. Secondo il sito web di Flightaware, ora ci sono stati più di 2.650 voli cancellati, di cui 940 collegati agli Stati Uniti. Oltre 6.350 al posto dei voli in ritardo. Venerdì sono state registrate circa 2.400 cancellazioni, secondo la stessa fonte, che ha già previsto più di 900 cancellazioni per domani. Migliaia di piloti, assistenti di volo e altro personale hanno dovuto mettersi in quarantena dopo essere stati esposti al Covid, costringendo, tra gli altri, Lufthansa, Delta e United Airlines a cancellare numerosi voli. Secondo Flightaware, United Airlines ha dovuto cancellare circa 439 voli venerdì e sabato, il 10% di quelli programmati. “Il picco di casi di Omicron in tutto il paese questa settimana ha avuto un impatto diretto sui nostri equipaggi e sulle persone che guidano le operazioni”, ha affermato la società statunitense, aggiungendo che stava lavorando per trovare soluzioni per i passeggeri interessati. . Delta Airlines ha anche cancellato più di 300 voli sabato e 170 il giorno prima, sempre secondo Flightaware, citando sia Omicron che condizioni meteorologiche avverse. Cancellati anche più di dieci voli Alaska Airlines, i cui dipendenti hanno dichiarato di essere stati “esposti al virus” e di doversi autoisolare. Tuttavia, le compagnie aeree cinesi sono responsabili del maggior numero di cancellazioni: China Eastern ha tagliato circa 540 voli, più di un quarto di quelli pianificati, mentre Air China ha cancellato 267, ovvero quasi un quarto del totale. Cancellazioni e ritardi sono un duro colpo per la voglia di tornare a viaggiare quest’anno per le vacanze, dopo un Natale 2020 duramente colpito dalla pandemia. Secondo le stime dell’American Automobile Association, più di 109 milioni di americani dovrebbero viaggiare in aereo, treno o auto tra il 23 dicembre e il 2 gennaio, con un aumento del 34% rispetto allo scorso anno.

READ  Super G in Val d'Isère: Caviezel trionfa, Parigi in ritardo

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA