Op1 in diretta da Ter Apel: ‘Una sfida’ |  Interno

Op1 in diretta da Ter Apel: ‘Una sfida’ | Interno

Un tweet dell’editore Rachel Frans, in cui indicava che stavano costruendo a Ter Apel, ha scatenato una marea di contraccolpi. «Un rapporto, sì, ho capito. Ma farne un intero circo? Non farlo”, ha detto qualcuno. “Fare TV sensazionale sulle spalle della gente lì”, ha detto un altro. “EO, sarai il Buon Samaritano, ma non un solo fuggiasco al tavolo, o al meno dieci per raccontare la loro storia?” lancia il prossimo.

Lo stesso COA non è d’accordo con quest’ultimo in tutti i casi. Secondo un portavoce, a Op1 è stato dato il permesso “perché è importante che si porti l’attenzione sui problemi di Ter Apel. In questo spettacolo è una messa in scena pesante, con ospiti della politica, dell’aiuto e con le persone interessate: gli (ex) rifugiati”, dice. Secondo lui, la trasmissione tematica non è necessariamente molto eccezionale. “Permettiamo così spesso le telecamere sul sito.

Bertus Tichelaar, durante la conversazione ancora nei pressi di Emmen (“Sì, Ter Apel è davvero lontano”), definisce la diretta una “sfida”. Ma pensa che aggiunga qualcosa. “Siamo nel punto in cui le cose sono andate storte nelle ultime settimane, quando le persone hanno dovuto dormire fuori sull’erba perché non c’era posto nel rifugio. Possiamo parlare con il direttore del COA e il manager di quello che hanno vissuto , ma anche con il sindaco e i residenti locali. Ad esempio, c’è anche un ex rifugiato che ora lavora come volontario a Ter Apel. Senti, non avresti mai trovato queste persone studio ambientato a Hilversum.

Studio

Il talk show, che inizia come di consueto alle 22:15, è condotto da Margje Fikse e Giovanca Ostiana. Uno studio è stato allestito sul sito del COA, con il presidente del consiglio di amministrazione del COA Milo Schoenmaker, il sindaco di Westerwolde Jaap Velema, il vicedirettore regionale del COA Gert-Jan Stuivenberg, il parlamentare del PvdA Kati Piri, il giornalista politico Thomas van Groningen, tra gli altri. Roos Ykema, il direttore del PKN Jurjen de Groot, il presidente del partito CDA Westerwolde Herma Hemmen e i detentori dello status Mohammed Saadulla e Jawad Dababsi.

READ  Domien non ha mai ricevuto nudi: 'Un po' di vergogna' | Stelle

C’è spazio anche per le voci critiche, dice Tichelaar. “Naturalmente il nostro editore politico è anche lì per chiedere cosa può essere migliorato, cosa dovrebbe essere fatto diversamente, cosa può fare il gabinetto. Qualsiasi domanda può essere fatta. È un peccato non aver potuto portare al tavolo il segretario di Stato Eric van der Burg. E gli stessi richiedenti asilo? “Giovanca e Margje hanno già parlato con diversi di loro martedì pomeriggio, anche con una telecamera. Lo mostriamo nello show. Non sono seduti al tavolo perché è difficile dal punto di vista linguistico, in un talk show dal vivo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *