Opinione: “La salute mentale all’interno della catena della giustizia penale merita maggiore attenzione”

Immagini Getty Images

La ricerca mostra che il 40-90% delle persone nel sistema di giustizia penale (soprattutto nelle carceri) in tutto il mondo vive con malattie mentali. Questa percentuale è molto più bassa per la popolazione nel suo insieme (dal 18 al 29%). I Paesi Bassi non si discostano da questo quadro generale. Il rapimento dall’Apple Store – da parte di un uomo confuso con precedenti penali che poi muore per le ferite provocate dall’azione della polizia – non è quindi un incidente isolato, ma il risultato di un guasto di sistema.

Perché i detenuti ottengono punteggi così alti in termini di malattie mentali? Da un lato, perché i sistemi di giustizia penale hanno un effetto trainante: le persone con malattie mentali, ad esempio, vengono arrestate più spesso e hanno maggiori probabilità di confessare. D’altra parte, gli stessi sistemi di giustizia penale hanno un impatto negativo sulla salute mentale. Le carceri in particolare contribuiscono allo sviluppo e all’aggravamento delle malattie mentali.

Ci sono anche ragioni per l’alto numero di detenuti con disturbi mentali al di fuori del diritto penale. In molti posti nel mondo, c’è una generale mancanza di una buona assistenza sanitaria mentale. Di conseguenza, molte persone con malattie mentali finiscono in prigione. Anche se non hanno fatto nulla di criminale. L’Organizzazione Mondiale della Sanità, l’OMS, chiama quindi le carceri “una discarica per i malati di mente”† Inoltre, in molti paesi non esiste un budget per cambiare la situazione attuale.

Crimine della porta girevole

L’alto numero di detenuti con malattie mentali pone molti problemi. Ad esempio, non ci sono abbastanza opzioni di trattamento nelle carceri. Inoltre, il personale carcerario regolare non è generalmente formato per lavorare con pazienti psichiatrici. Anche i detenuti con problemi psicologici hanno spesso difficoltà a seguire il regime carcerario. Sembrano incapaci di seguire le regole dell’istituto o di entrare in contatto con altri detenuti. Tutto ciò può portare a inutili discriminazioni, bullismo, aggressioni e azioni disciplinari.

Tutti questi fattori – trattamento, personale, problemi di regime – amplificano l’effetto negativo che le carceri hanno già sulla salute mentale. Di conseguenza, le condizioni delle persone con malattie mentali spesso peggiorano in carcere, rendendo più difficile la riabilitazione. La recidiva all’interno di questo gruppo è quindi relativamente alta in tutto il mondo.

Questo alto tasso di recidiva non solo pone un problema di sicurezza, ma è anche costoso. Diversi studi dimostrano che curare i detenuti con problemi di salute mentale è generalmente più economico per la società a lungo termine: l’alternativa è il crimine della porta girevole in cui qualcuno finisce in prigione ancora e ancora.

Diritti umani internazionali

Oltre ad essere socialmente svantaggioso (sicurezza, costi), è anche disumano rinchiudere i malati, spesso dipendenti, in un sistema che li aggrava. La situazione attuale è quindi contraria ai diritti umani internazionali. Sulla base dei trattati e delle regole delle Nazioni Unite, i governi non sono autorizzati a mettere in prigione determinate categorie di pazienti psichiatrici gravemente malati. Le persone con disturbi psicologici che finiscono in carcere sono protette dal diritto internazionale. Non solo come prigioniero, ma anche come paziente.

Sulla base di queste regole, un detenuto che soffre di disturbi psicologici ha diritto a un trattamento della stessa qualità di una persona fuori dal carcere. Inoltre, questo trattamento deve mirare a un ritorno sicuro alla società. L’attuale situazione mondiale non soddisfa questi requisiti.

Cosa possiamo fare per migliorare la situazione dei detenuti che vivono con malattie mentali? L’importante è che queste persone ottengano un buon posto. Un luogo con, se possibile, cure adeguate e personale esperto, ma soprattutto un clima istituzionale che contribuisce alla buona salute mentale invece di danneggiarla. Ciò richiede non solo una politica, ma anche denaro.

I governi di tutto il mondo dovrebbero investire nel riconoscimento, nel trattamento e nella riabilitazione dei detenuti con problemi di salute mentale. Questo non solo consente di risparmiare sui costi. È anche più umano, conforme ai diritti umani e contribuisce a una società più sicura.

Maartje Krabbe è ricercatrice senior presso il Center for State and Law Research (SteR) presso la Radboud University Nijmegen.

Maartje Krabbe.  Statua

Maartje Krabbe.

READ  SER indaga sul perché la salute dei poveri è peggiore - Kassa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *