ora anche per un periodo di tempo più lungo, e possibilmente non ormeggiato

ora anche per un periodo di tempo più lungo, e possibilmente non ormeggiato

    La nave da crociera Holland America Line Volendam nel Merwehaven, dove sono ospitati i rifugiati ucraini.  Immagine Sem van der Wal / ANP

La nave da crociera Holland America Line Volendam nel Merwehaven, dove sono ospitati i rifugiati ucraini.Immagine Sem van der Wal / ANP

Una barca che galleggia in mare diventa la loro nuova casa per circa tremila richiedenti asilo. “Un’idea assurda”, ha reagito mercoledì sera il Consiglio olandese per i rifugiati ai piani del segretario di Stato Eric Van der Burg (Asilo). “In questo modo li metti fuori dalla società e non hanno libertà di movimento”, ha twittato giovedì la sezione olandese dell’UNHCR, l’organizzazione per i rifugiati delle Nazioni Unite. “Per alcuni potrebbero riaffiorare traumi esistenti dovuti a voli pericolosi”.

La soluzione di Van der Burg è così non convenzionale che i suoi produttori devono ancora scoprire se è abbastanza legale e sicura. Mercoledì sera, ha affermato di essere già consapevole del fatto che il margine di manovra legale è piuttosto limitato. È importante che i richiedenti asilo possano sbarcare in qualsiasi momento. “Nel momento in cui li metti al largo della costa e non c’è più un collegamento con la terraferma, c’è un contenimento materiale”.

Dalla crisi ucraina, le barche sono state utilizzate in diversi luoghi in Europa per ospitare i profughi di guerra, come Tallinn in Estonia, Marsiglia in Francia e presto anche Edimburgo in Scozia. Nei Paesi Bassi, la nave Holland-America Line “de Volendam” ha fornito rifugio a 1.200 ucraini nel porto di Rotterdam da aprile. Inizialmente avrebbero dovuto partire prima dell’estate, ma l’accordo è stato prorogato fino al 1 settembre.

Un incrociatore è una scelta interessante per un riparo a breve termine perché i bagni, i letti e le cucine sono già integrati. “Con un trasloco abbastanza semplice, hai un alloggio completo”, afferma un portavoce del comune di Rotterdam. I rifugiati ucraini sono ospitati anche su barche alberghiere più piccole a Dordrecht, Maassluis e Gouda.

READ  Cashback, scoppia il "furbo" caso della benzina: una proposta di soluzione

Rifugiati non ucraini

Ma in questi casi si tratta di barche ormeggiate. La nave da crociera a Rotterdam può essere entrata e uscita per tutto il giorno per i rifugiati ucraini, in modo che l’accoglienza su una nave non sia vissuta come una violazione della libertà di movimento. Il governo olandese ha la sfida di ottenere qualcosa di simile nel caso delle barche che galleggiano in mare: l’ormeggio è l’approccio, ma il governo non ha ancora dato garanzie. Il segretario di Stato Van der Burg ha accennato mercoledì che le barche pilota da trasporto potrebbero essere un’opzione.

Ci sono anche altre due differenze tra le iniziative precedenti e gli attuali piani di Van der Burg. Le navi da crociera attualmente in ordine sono specifiche per rifugiati non ucraini. Nelle interviste con i comuni, il Segretario di Stato ha notato che c’era più entusiasmo nell’accogliere le vittime dell’invasione russa. Sono proprio i profughi provenienti da altre parti del mondo per i quali il gabinetto non vede altra soluzione.

Inoltre, negli ultimi mesi, la sistemazione dei profughi di guerra in hotel in barca è stata temporanea. La nave da crociera Volendam partirà il 24 settembre per il suo primo viaggio con i turisti. “A lungo termine, l’accoglienza sarà più difficile, perché non offriamo indipendenza al gruppo, come cucinare e fare il bucato”, spiega un portavoce coinvolto nel progetto. Non è ancora chiaro come il governo olandese organizzerà la costruzione con le prossime navi da crociera, ma probabilmente riguarderà un periodo più lungo.

Molte domande restano ancora senza risposta. Un portavoce non ha ancora detto nulla sui termini di locazione della nave e sulle società con cui l’azienda intrattiene rapporti commerciali. Inoltre, solo una delle tre navi è nota dove sarà, vicino a Velsen. Si sta ancora cercando una posizione per le altre due navi riceventi. Le opzioni per questo sono limitate, poiché i Paesi Bassi non hanno molti porti marittimi. Vlissingen ha già annunciato di non voler collaborare, con grande disappunto del segretario di Stato Van der Burg.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *