Ostetriche contro il piano Kuipers: “Stiamo perdendo la nostra autonomia”

Ostetriche contro il piano Kuipers: “Stiamo perdendo la nostra autonomia”

Gli attivisti della piattaforma Emergency Alarm Birth Care hanno presentato una petizione alla Camera dei rappresentanti. La petizione, che è stata firmata quasi 190.000 volte, invita i parlamentari a bloccare il piano del ministro Kuipers per una tassa completa per l’assistenza al parto.

La principale preoccupazione delle ostetriche in particolare è che perdano la loro autonomia con una tariffa piena. Attualmente, ginecologi, ostetriche e infermieri di maternità hanno contratti separati con gli assicuratori sanitari. Di conseguenza, ora vengono pagati separatamente per il lavoro svolto. Con una tariffa piena, questi fornitori di cure dovranno presto condividere un sacco di soldi per donna incinta.

Per fare ciò in modo corretto, gli ospedali, gli studi ostetrici e l’assistenza alla maternità devono istituire le cosiddette organizzazioni integrate di assistenza al parto (OIG) a livello regionale all’interno delle quali sono organizzati compiti e pagamenti.

Riorganizzazione

L’idea alla base di questa riorganizzazione è che ginecologi e ostetriche lavoreranno meglio insieme, il che migliorerà la sicurezza della madre e del bambino.

Ma molte sono le critiche a questa intenzione da parte dell’ostetrica. L’ordine professionale sottolinea che la collaborazione tra ostetriche e ginecologi è notevolmente migliorata negli ultimi dodici anni.

Le statistiche supportano questa affermazione. Nel 2008, la mortalità infantile nei Paesi Bassi era ancora notevolmente elevata. Questo è il motivo per cui sono state adottate misure dal 2010. Sono emerse dozzine di collaborazioni ostetriche ed è stato istituito un “Care Standard Integrated Birth Care”.

All’interno di queste associazioni, ginecologi e ostetriche iniziarono a lavorare meglio insieme. Nel 2018, il tasso di mortalità infantile nei Paesi Bassi era solo del 10% superiore a quello della Finlandia, secondo uno studio del RIVM. La Finlandia è un paese che tradizionalmente ha bassi tassi di mortalità infantile.

READ  Il parlamentare sospeso Gündoğan avvia un procedimento sommario contro Volt

Saggio

“Secondo la mia esperienza, il finanziamento integrato non migliora ulteriormente questa cooperazione”, afferma Michelle Beijerinck, ostetrica presso lo studio Mundo Midwives a L’Aia. Lei e il suo studio hanno partecipato a un progetto pilota per istituire un tale OIG con altri studi ostetrici e l’ospedale di Haga e per testare l’operazione con una tariffa integrata.

“Durante quegli anni, abbiamo notato principalmente che l’onere amministrativo stava diventando più pesante. Normalmente, richiedevamo direttamente a Medicare. Ora è passato attraverso l’OIG che ci rappresentava tutti. E ha funzionato più lentamente e in modo più burocratico”.

La collaborazione sui contenuti medici, tuttavia, non è diventata molto più intensa. “All’interno di un IGO, si tratta più di finanze”, afferma Beijerinck. “Quindi non è cambiato molto in termini di assistenza sanitaria”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *