Paolo Del Debbio, Lilli Gruber e compagni in crisi d’udito? “Qual è il vero motivo”, una voce molto pesante – Libero Quotidiano

Maurizio Costanzo

Guardando, per motivi professionali, ogni giorno che ascolto programmi televisivi, mi chiedo: perché questa stanchezza del discorso politico? Forse sarà anche una stanchezza della politica, non ci sono dubbi. Ma è vero che, rispetto al passato, le interviste che erano un incontro essenziale, sono diventate un incontro e basta.

A proposito di appuntamenti, quello con Alberto Angela è sempre il benvenuto, perché ha una grande capacità di dirlo. Siamo ora mercoledì su Raiuno, alle 21:25, con la sua ammiraglia Ulisse – Il piacere della scoperta. La TV è anche storytelling, storytelling e non sono molti quelli che possono seguire questa strada, vorrei dire questa “disciplina”. Ho raccontato una storia: Iva Zanicchi ha 81 anni, Mara Maionchi 80, Piero Angela 92. A loro confronto Carlo Conti, con i suoi 60 anni, sembra un ragazzo. Non voglio dire che la televisione aiuti a invecchiare bene, ma è un dato di fatto, perché non so quante altre discipline portino ad essere 80 sani, fisicamente e mentalmente.

Riporto un libro postumo di Ndo cojo cojo di Gigi Proietti. Questi sono gli appunti, le poesie, le invettive, le battute di Gigi. Le ragazze li hanno raccolti e mi sembra che abbiano reso un bel omaggio al nonno. Ho letto che ci sono faide in un programma Raidue su chi continuerà a esserci e chi no. Non c’è bisogno di discutere. Dobbiamo tutti ringraziare il destino che ci permette ancora di passare davanti a una telecamera e quella telecamera si accende. La lotta non sta andando da nessuna parte, forse la telecamera non si accende.

READ  il gesto scioccante del fratello smaschera la duchessa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *