La NASA ha simulato l’arrivo di un asteroide sulla Terra e non è andata molto bene

Immagina di lavorare alla NASA o all’ESA (Agenzia spaziale europea) e di ricevere la telefonata a cui non avresti mai voluto rispondere.

“Presto?”
“Venire”
“Chi sta parlando? Chi sta arrivando?”
“Un asteroide a circa 140 metri di distanza è di 35 milioni di miglia che punta dritto verso la Terra, abbiamo 6 mesi per salvare l’umanità e tutto il resto.”
“Oh no”
Clicca su.

Non preoccuparti perché non è davvero in arrivo, ma è una simulazione curata dalla NASA che ha coinvolto anche l’ESA per attivare gli scienziati in un esercizio più realistico possibile su cosa fare in un caso del genere.

Giorno dopo giorno, i ricercatori hanno scoperto qualcosa di più sul grande corpo celeste e giorno dopo giorno ne hanno tracciato il corso con crescente precisione. Lo scopo dell’esercizio era mettere in pratica tutte le tecnologie e gli strumenti a nostra disposizione per proteggerci da un possibile disastro di questo tipo e soprattutto imparare a collaborare tra diversi gruppi di analisi.

CHRISTOPH BURGSTEDT / BIBLIOTECA FOTOGRAFICA DI SCIENZAGetty Images

“Questi esercizi alla fine aiutano la comunità della difesa planetaria a comunicare tra loro e con i nostri governi per garantire che siamo tutti coordinati nel caso in cui in futuro venga identificata una potenziale minaccia da impatto”, ha affermato Lindley Johnson in un comunicato stampa. Ufficiale della difesa planetaria della NASA.

Risultato? Abbiamo fallito e l’impatto ha distrutto metà del continente europeo. I ricercatori hanno decretato che attualmente le nostre tecnologie non sono sufficientemente avanzate per intervenire in una situazione del genere, soprattutto avendo “solo” 6 mesi di anticipo. Non abbiamo avuto il tempo di organizzare una missione per far esplodere la famosa bomba nucleare e le risorse. E l’evacuazione di un continente si è rivelata una mossa molto più problematica del previsto.

READ  per questo le infezioni aumentano, parla VIROLOGA ILARIA CAPUA »ILMETEO.it

Gli astronomi potrebbero rilevare un asteroide anche a una distanza maggiore, il problema è che questo tipo di sorveglianza globale non sempre ha successo. Ci manca qualcuno. La cometa Neowise, un pezzo di ghiaccio spaziale largo 5 km, è passata a 100 milioni di km da noi a luglio. Nessuno sapeva che la cometa esistesse fino a quando un telescopio spaziale della NASA non l’ha scoperta in avvicinamento. Quattro mesi fa.

Per il momento, l’unica strategia che la NASA considera valida contro un asteroide che ci punta è sparargli contro un’astronave, nella speranza di cambiare leggermente la sua traiettoria e far sì che si muova sempre più lungo la sua orbita. ci manca. Devi essere pronto perché la prossima volta potrebbe non essere un gioco di ruolo così ben congegnato, ma una terribile realtà.

Questo contenuto viene creato e gestito da una terza parte e importato in questa pagina per aiutare gli utenti a fornire i propri indirizzi e-mail. Potresti essere in grado di trovare ulteriori informazioni su questo e altri contenuti simili su piano.io

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *