Parlamentari in Suriname, Curaçao e Bonaire per la ricerca sulla storia della schiavitù | ADESSO

Sabato una delegazione di nove membri della Camera dei rappresentanti ha iniziato una visita di lavoro di nove giorni in Suriname, Curaçao e Bonaire. Gli eurodeputati di vari gruppi politici guidati da Kiki Hagen (D66) indagheranno sul passato coloniale olandese. Il viaggio è una preparazione per l’anno commemorativo 2023.

I Paesi Bassi posero ufficialmente fine alla schiavitù nel 1863. In pratica, gli schiavi lo erano solo dieci anni dopo gratis. Nel 2023, questa vera libertà sarà 150 anni fa.

I parlamentari visitano i luoghi dei tre paesi che sono stati importanti durante la storia coloniale dei Paesi Bassi. Esempi sono le piantagioni. Parlano anche con scienziati, discendenti di schiavi e rappresentanti del popolo.

In Suriname, ad esempio, è previsto un incontro con il presidente Chan Santokhi. I membri della commissione per gli affari interni stanno parlando anche con la Commissione del Suriname per la storia della schiavitù e la Commissione nazionale per la commemorazione della storia della schiavitù.

Il partito di coalizione VVD non partecipa alla visita di lavoro. La festa racconta il ILLUMINATO non vedere alcun valore aggiunto in un viaggio nei tre paesi. Gli altri partiti della coalizione D66, CDA e ChristenUnie hanno inviato un rappresentante.

Istituto olandese della schiavitù: “Tour storico”

La Camera ha contattato l’Istituto nazionale per la storia e l’eredità della schiavitù olandese (NiNsee) per un consiglio sul passato della schiavitù olandese. La presidente Linda Nooitmeer dell’istituto è positiva per la visita di lavoro, informa NU.nl.

“È un buon segnale che questi parlamentari andranno in Suriname, Curaçao e Bonaire per la storia della schiavitù”, afferma Nooitmeer. “Il sistema della schiavitù è stato stabilito in passato con l’autorizzazione del predecessore dell’attuale parlamento. In questo senso, questa visita di lavoro è anche una visita storica”.

READ  Fiat 500X 2021, rivelati prezzo e allestimento - Auto World

Per quanto riguarda Nooitmeer, il passato degli schiavi olandesi deve essere “riparato con riparazioni”. Secondo il presidente di NiNsee, questo dovrebbe accadere anche nei paesi in cui il sistema di schiavitù è stato stabilito dai Paesi Bassi.

La Commissione nazionale per le riparazioni del Suriname sostiene il risarcimento per la schiavitù. Questo è ciò che il presidente ha detto giovedì al sito di notizie del Suriname. Notizie stellari. Durante la visita di lavoro, la commissione fa una presentazione ai deputati.

I Paesi Bassi depongono una corona di fiori a Curaçao per commemorare la rivolta degli schiavi del 1795

A Curaçao, la delegazione assiste alla commemorazione di una rivolta degli schiavi nel 1795 il 17 agosto. La rivolta guidata dagli schiavi di Tula viene repressa con grande violenza. Tula è stato torturato e poi ucciso. Hagen deporrà una corona di fiori a nome dei Paesi Bassi durante la commemorazione.

A Bonaire, sono all’ordine del giorno le discussioni con il Consiglio dell’isola e il Gruppo di dialogo Bonaire Slavery Past.

Ci scusiamo dalle principali città, banche e provincia, ma non ancora dai Paesi Bassi

amsterdam, Rotterdam e Utrecht si è scusato per il passato di schiavitù. De Nederlandsche Bank ha effettuato il 1 luglio stesso nella Giornata nazionale della memoria della schiavitù. Il presidente Klaas Knot ha detto a NU.nl durante la commemorazione che le conseguenze della schiavitù sono evidenti anche nel presente.

Sempre il 1° luglio, l’Olanda Settentrionale è stata la prima provincia ad offrire scuse a. ABN AMRO lo ha fatto per diversi mesi prima.

Lo stato olandese deve ancora scusarsi. Il governo olandese ha dichiarato nel 2013 ‘rammarico e profondo rammarico’ sulla schiavitù.

READ  Superbonus accessibile al 110% anche se il magazzino e il rudere diventano una casa

Alla commemorazione nazionale di luglio, il ministro Franc Weerwind (Protezione legale) ha affermato che il 2023 sarà “l’anno in cui ancoreremo saldamente il cambiamento su cui abbiamo lavorato per così tanto tempo”.

Ha anche promesso che il gabinetto avrebbe risposto al rapporto entro il 2023. Catene del passato. In esso, il gruppo di dialogo del Consiglio consultivo sulla storia della schiavitù chiede allo stato olandese di scusarsi per il suo passato di schiavitù olandese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.