Parli della tua salute mentale?  “È considerata una debolezza in Cina”

Parli della tua salute mentale? “È considerata una debolezza in Cina”

Secondo a post facebook delle sue sorelle maggiori Carol e Nancy, Lee è morta dopo un tentativo di suicidio che l’ha lasciata in coma. Ha compiuto 48 anni.

“Spero che questa sia una notizia falsa”

La cantante americana nata a Hong Kong è un nome familiare in Cina. Ha doppiato Mulan nella versione mandarino ed è stata nominata all’Oscar per la versione inglese della sua canzone “A Love Before Time”.

“Non ci posso credere”, ha scritto sulla sua pagina un utente della piattaforma di social media cinese Weibo. “Spero che questa sia una notizia falsa”, ha detto un altro. “Possa non esserci depressione in paradiso”, ha scritto un utente.

Il corrispondente cinese Roland Smid ritiene che la morte della superstar abbia molto a che fare con la salute mentale in Cina. “Un sacco di persone escono online che sono anche depresse, per esempio, quindi non possono discuterne con i loro amici e familiari.”

Le persone non chiedono aiuto

Ci sono ancora molti tabù sull’argomento, dice Smid. “Parlare della propria salute mentale è visto come un po’ una debolezza. L’ideale cinese si basa sull’essere forti, sopportare il dolore, poi ci arriverai. Ma la realtà è spesso diversa”.

Inoltre, i genitori di bambini con problemi mentali non amano ammettere di avere problemi e quindi non cercano aiuto rapidamente. “Certamente al mondo esterno, molte persone vogliono mantenere le apparenze”, dice Smid. “Mio figlio può fare questo, mio ​​figlio può fare quello, e no: mio figlio ha bisogno di aiuto. Questo non corrisponde all’ideale cinese”.

Sempre più cinesi soffrono di malattie mentali

“Lee non era più un ragazzino, ovviamente, ma la dinamica è paragonabile. Tieni nascosti i problemi e non li discuti velocemente”, dice Smid della cultura cinese.

READ  Osservato il più grande buco nero, nato da una fusione. LIGO mette tutto in gioco

Le cifre mostrano che la depressione in Cina è aumentata notevolmente nell’ultimo anno. Secondo il China Mental Health Survey, pubblicato nel 2019, un cinese su sette soffrirebbe di almeno un tipo di malattia mentale durante la sua vita. Proprio come nei Paesi Bassi, la politica zero covid non è stata facile per i giovani cinesi. Mancano statistiche ufficiali del governo cinese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *