Partito popolare Steenbergen sul degasaggio: “È in gioco la salute degli abitanti” |  Bergen su Zoom

Partito popolare Steenbergen sul degasaggio: “È in gioco la salute degli abitanti” | Bergen su Zoom

STEENBERGEN – Il comune di Steenbergen non fa abbastanza per informare i suoi abitanti dei pericoli del degassamento sul canale Schelda-Reno. Dankert Kouwen (People’s Party) ha avuto questa sensazione dopo aver risposto alle sue domande sullo scarico di tossine dalle navi interne. ,, mi manca la vera volontà di agire.”

Kouwen ha posto le sue domande in risposta a una recente ricerca dell’Università Erasmus sull’argomento. Secondo i ricercatori, i ministri delle Infrastrutture e dei Trasporti che si sono succeduti per anni hanno erroneamente affermato che un divieto di gassificazione nel trasporto marittimo non è legalmente possibile.

Lo studio di Rotterdam indica che i Paesi Bassi possono effettivamente vietare la fuoriuscita di gas sulla base dei trattati sui diritti umani. Motivo per cui Kouwen insiste per una lettera al ministero riguardante lo scarico di residui chimici per via di navigazione interna sul canale. “Ogni volta che ciò accade, una nuvola tossica passa su Nieuw-Vossemeer”.

“Basta con la stampa”

L’assessore Maurice Remery è a conoscenza dei risultati dello studio Erasmus e ha portato la questione all’attenzione della Regione Sicurezza. “Ma non abbiamo ancora ricevuto una risposta a questo.” Kouwen vuole che i residenti siano informati dei pericoli attraverso una newsletter. Remery non vede alcun motivo per questo. “Questo è stato abbastanza sulla stampa.”


Preventivo

Abbiamo il dovere di allertare il pubblico sulle conseguenze del degassamento

Dankert Kouwen, Partito popolare Steenbergen

Kouwen ha anche esortato a stabilire un collegamento con gli amministratori di Tholen e Goeree-Overflakkee, che si occupano anche delle conseguenze del degassamento. “Dobbiamo agire di più insieme”.

READ  La salute finanziaria delle famiglie olandesi è peggiorata

Rileva elettronicamente

Remery ha sottolineato che è già in corso molto lavoro per rilevare elettronicamente i fumi tossici. Il portavoce del Partito popolare vuole anche che siano collocati all’ingresso delle piste ciclabili fuori dagli argini dei pannelli informativi sui pericoli del gas come ulteriore sviluppo. “Abbiamo il dovere di informare il pubblico. Ne va della salute dei nostri residenti”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *