Pechino ricorda alle banche: stop alle criptovalute. Bitcoin e Tether al minimo

Bitcoin ai minimi da due settimane (-20% negli ultimi sette giorni e -4% oggi a 32.500 dollari) sotto i colpi dell’attuale repressione da parte del governo di Pechino. Anche Tether scende sotto la soglia dei 2.000 dollari e perde oltre il 5% (-22% la scorsa settimana). Le principali banche cinesi – chiamate all’ordine in una riunione, dalla Industrial and Commercial Bank of China alla Agricultural Bank of China – e il servizio di pagamento elettronico Alipay hanno annunciato che si rifiutano di aiutare i clienti a scambiare Bitcoin e altre criptovalute dopo che la banca centrale ha detto stava rafforzando l’applicazione del divieto del governo.

I regolatori sembrano preoccupati che, nonostante il divieto del 2013 alle banche cinesi e ad altre istituzioni che gestiscono criptovalute, il sistema finanziario dello stato possa essere indirettamente esposto a rischi. Pechino teme anche che gli utenti possano eludere i controlli.

Caricamento in corso…

I regolatori hanno persino inasprito i divieti sulla gestione delle criptovalute nel 2017 e a maggio hanno ricordato pubblicamente alle banche i loro potenziali rischi, forse riflettendo i timori che l’estrazione e il trading di criptovalute continueranno. La chiusura delle operazioni estrazione di criptovalute. Tuttavia, negli ultimi anni le persone si sono rivolte al trading di valuta digitale su piattaforme OTC e persino scambi offshore. Quello che sta accadendo in queste ore è segno che la Cina farà di tutto per chiudere ogni possibile via di fuga, soprattutto per non perdere il controllo della situazione mentre si prepara a lanciare, dopo vari tentativi, una versione elettronica dello yuan.

Secondo la banca centrale cinese, le attività legate alle criptovalute “rompono l’ordine finanziario e generano anche rischi di attività criminali come trasferimenti illegali di beni transfrontalieri e riciclaggio di denaro”. Un altro argomento utilizzato dalle autorità di Pechino è che l’estrazione mineraria richiede enormi quantità di energia.

Saperne di più

Bitcoin e inquinamento tra mito e realtà: 40% dei consumi da energie rinnovabili

Leggi lo scenario

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.