Perché i miliardari americani vendono le azioni della loro azienda?

Gli uomini più ricchi del mondo stanno vendendo quantità insolite di azioni nelle loro società e gli analisti finanziari si chiedono cosa stia succedendo. Elon Musk, Mark Zuckerberg, la famiglia Walton, i co-fondatori di Google e altri miliardari hanno venduto 63,5 miliardi di dollari in azioni solo a novembre, il 50% in più rispetto a un anno fa.

Musk, fondatore di Tesla e uomo più ricco del mondo, ha venduto le azioni della sua azienda per 9,85 miliardi di dollari: 6,9 miliardi di dollari nella prima settimana di novembre e altri 1,9 miliardi tra il 15 e il 16 dello stesso mese. . Una parte delle azioni è stata ceduta per far fronte agli obblighi fiscali legati all’esercizio delle stock option, ma la vendita è stata tale da far scendere il valore della quota del 6% e poi dell’1% addizionale.

Sempre pronto allo scherzo, Musk ha detto che stava pensando di lasciare Tesla per intraprendere una nuova carriera come influencer, ma nessuno gli crede. L’influencer più pagata Kylie Jenner guadagna 1 milione di dollari per ogni post di Instagram, ma dovrà comunque guadagnarne qualche decina di migliaia per sperare di avvicinarsi ai livelli di ricchezza di Trump.

Quel che è certo è che molti altri miliardari negli ultimi mesi, e soprattutto a novembre, hanno perso una montagna di azioni nelle loro società. Daniel Taylor, un esperto di trading presso l’Università della Pennsylvania, ha confermato al Wall Street Journal che le vendite del 2021 sono senza precedenti e che negli ultimi dieci anni non si è visto nulla di simile. I titoli più venduti erano azioni di società tecnologiche. Il CEO di Microsoft Satya Nadella si è sbarazzato di metà delle sue azioni, per un totale di 374 milioni di dollari. I co-fondatori di Google Larry Page e Sergey Brin hanno venduto ciascuno 600.000 azioni, per un reddito lordo di $ 1,5 miliardi. Zuckerberg ha liquidato le azioni di Meta (il nuovo nome di Facebook) per 4,5 miliardi. Ma anche nei settori non tecnologici, gli imprenditori hanno perso molte scorte. Una delle famiglie più ricche del mondo, quella dei Walton (supermercati Walmart), aveva venduto azioni per 1,5 miliardi nel 2020: quest’anno ha superato i 6,5 miliardi.

READ  BMW stuzzica VW sulle ricariche Ionity

Di solito, quando si verificano fenomeni come questi, viene da chiedersi cosa sanno i ricchi che la gente comune ancora non sa. Ci sarà una brusca correzione degli indici azionari? Un asteroide sta per cadere sulla Terra? La Russia sta per invadere l’Ucraina? È imminente una nuova inversione dei poli magnetici del pianeta? Secondo il professor Daniel Taylor, ha detto al Journal, la spiegazione potrebbe essere molto più semplice: la riforma fiscale annunciata da Biden, che mira a colpire le società con tasse più elevate e non a risparmiare sulle plusvalenze, avrebbe consigliato a molti super ricchi che ora stanno vendendo a Salva. sulle tasse che dovrebbero pagare in futuro quando la nuova legge entrerà in vigore. Taylor ha calcolato che la liquidazione delle azioni di oggi fa risparmiare 8 milioni di dollari di tasse per 100 milioni di dollari di raccolta fondi: i Walton, grandi sostenitori repubblicani, ad esempio, hanno già risparmiato 520 milioni di dollari, con i quali pensano di poter fare cose più utili della finanza. i demagoghi le riforme di Biden.

Ma le tasse potrebbero essere solo uno dei motivi della vendita. L’altro è che gli indici azionari continuano a salire qualunque cosa nel mondo e la bolla, con l’aumento dell’inflazione e la conseguente fine del denaro facile, potrebbe essere sul punto di scoppiare. I miliardari comprano quando i prezzi sono bassi e vendono quando i prezzi sono alti e stanno per scendere: i ricchi sanno cosa stanno facendo, e dovresti sempre guardarli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.