Perché le locuste migratrici mangiano tutto ma non l’un l’altro

Perché le locuste migratrici mangiano tutto ma non l’un l’altro

Mangeranno quasi tutto ciò che incontrano tranne l’un l’altro. Locuste migratrici africane (Locusta migratoria) possono formare grandi parassiti che distruggono i raccolti quando sciamano. C’è da aspettarsi che durante la loro migrazione mangino occasionalmente un congenere come spuntino ad alto contenuto proteico – lo fanno anche a densità inferiori. Ma a causa dello spargimento di uno specifico feromone, praticamente non mostrano cannibalismo in grandi sciami di parassiti. scrivono studiosi tedeschi e cinesi In Scienza. Questa conoscenza può essere utile per il futuro controllo delle locuste.

Come la locusta Schistocerca gregaria, che negli ultimi anni è stata una delle maggiori seccature, la locusta migratrice africana ha uno stile di vita straordinario: vive generalmente da sola. Cercano solo congeneri con cui accoppiarsi. Le uova inizialmente si schiudono in prole senza ali, chiamate ninfe, che si sviluppano in cavallette adulte solo dopo cinque mute. Poche ninfe sopravvivono negli anni secchi, ma dopo forti piogge il numero può aumentare rapidamente e succede qualcosa di strano: gli animali solitari si trasformano in animali di gruppo e possono iniziare a sciamare.

Fase dello sciame

Con l’aumentare delle dimensioni del gruppo, le ninfe quasi adulte si mangiano a vicenda con una certa regolarità, scrivono i ricercatori. Ma ciò che colpisce è che c’è un limite a questo cannibalismo: se sono davvero vicini tra loro, c’è relativamente poco da mordicchiare tra loro. Questo sembra essere legato a una delle diciassette sostanze volatili che le locuste migratrici espellono esclusivamente durante la fase di sciamatura: il feromone fenilacetonitrile o benzil cianuro. Lo svantaggio è che sembra avere un effetto anti-afrotico, che potrebbe anche essere il motivo per cui le locuste migratrici solitarie non producono ancora la sostanza.

READ  Coronavirus, dati - 2.275 nuovi casi e 51 decessi, tasso di positività dell'1,5%. In una settimana 477 morti, la scorsa settimana 821

Ma il vantaggio è che la sostanza velenosa tiene a bada i nemici: il suo effetto deterrente sugli uccelli era già stato studiato, e ora sembra che funzioni anche contro i coetanei affamati. Più vicine sono le ninfe, maggiore è la quantità di fenilacetonitrile che espellono.

E gli esperimenti dimostrano che altre ninfe preferiscono stare il più lontano possibile dal feromone, a meno che il recettore che consente loro di percepire la sostanza non sia stato disattivato utilizzando la tecnica genetica crispr-cas.

Condannato

In uno sciame naturale, la quantità di feromone varia da individuo a individuo, sottolineano gli autori, quindi le ninfe con basse concentrazioni della sostanza soffrono sempre. Anche le ninfe modificate in modo tale da non espellere più fenilacetonitrile sono condannate, secondo il Scienza-articolo: finiscono comunque nello stomaco di un congenere. Secondo i ricercatori, questo offre prospettive per combattere le invasioni di locuste, anche se non sono state ancora trovate soluzioni concrete.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *