Percorsi escursionistici popolari nelle Alpi inaccessibili a causa dello scioglimento dei ghiacciai | ADESSO

A causa delle alte temperature, sulle Alpi c’è poca neve ei ghiacciai si stanno sciogliendo a un ritmo rapido. Quest’estate, quindi, molti famosi sentieri escursionistici della regione non saranno accessibili. La caduta di rocce che si staccano dal ghiaccio è un pericolo.

“Al momento ci sono allerte nelle Alpi per una decina di vette, comprese quelle del Cervino e del Monte Bianco”, ha detto all’agenzia di stampa AFP Pierre Mathey, presidente dell’Associazione svizzera delle guide di alta montagna. AFP. “Sta succedendo molto prima del solito nella stagione. Di solito vediamo tali chiusure ad agosto, ma ora i divieti sono entrati in vigore alla fine di giugno e sono ancora in vigore a luglio”.

Le guide alpine, che ogni anno guidano migliaia di escursionisti sulla vetta più alta d’Europa, questa settimana hanno smesso di scalare le classiche vie del Monte Bianco, che si snodano tra Francia, Italia e Svizzera. Le guide si astengono anche dal visitare la cima della Jungfrau nelle Alpi svizzere. I tour sarebbero stati cancellati per la prima volta in 100 anni.

All’inizio di questo mese, 11 alpinisti sono stati uccisi e otto feriti dopo essere stati sepolti tra ghiaccio, neve e rocce nelle Alpi italiane. Ciò è accaduto quando una parte del ghiacciaio della Marmolada si è staccata.

Il giorno prima era stata misurata una temperatura record di 10 gradi Celsius sulla Marmolada, la montagna più alta delle Dolomiti. Gli scienziati affermano che il cambiamento climatico sta rendendo i ghiacciai precedentemente stabili più imprevedibili.

READ  "Nuovo attacco molto probabile nelle prossime 24-36 ore"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *