perdite a novembre e nei prossimi mesi

Il conto in banca sta ora subendo molte perdite. Scopriamo quelli registrati a novembre e quali sono le prospettive future

Carattere originale Adobe

il conto bancario è uno strumento piuttosto prezioso per le persone di oggi, ma a volte lascia perdere il tuo i soldi può giocare brutti scherzi. Ovviamente non c’entrano niente banche e in questo caso nemmeno il fregature.

Il nemico giurato dei correntisti è ilinflazione questa nel novembre 2021, è salito al 3,7% su base annua, il massimo storico dal 2012. Cifre che in passato non avrebbero destato così tanto allarme. Ma ora lo scenario è diverso. Le ripercussioni sono piuttosto deleterie.

Conto in banca: le perdite mostruose registrate dai cittadini a novembre 2021

L’inflazione è davvero a tasso zero. Tradotto, significa che il conto in banca non aumenta poiché l’interesse è zero. Allo stesso tempo, la perdita di potere d’acquisto continua senza sosta.

Entra nei dettagli della domanda, a novembre 2020 avevamo 1.711 miliardi di euro sul nostro conto in banca. Soldi che sono aumentati di oltre $ 100 miliardi a $ 1,814 miliardi il mese scorso. Ma su base annua, i soldi depositati lo scorso anno hanno perso 63,3 miliardi di euro di potere d’acquisto, a fronte di interessi maturati di qualche miliardo.

Di conseguenza, il saldo è estremamente negativo. Nella migliore delle ipotesi, sono -60 miliardi di euro. In pratica è come se ogni cittadino italiano sprecasse 1.000 euro all’anno. D’altra parte, gli effetti dell’inflazione sono proprio questi. Non si percepisce mai immediatamente, ha sempre effetti a medio e lungo termine. In realtà, questo equivale a una maxi-tassa.

Una situazione già abbastanza complicata su cui pesano da tempo anche alcune voci che potrebbero avere forti ripercussioni sui bilanci familiari. È il caso dell’energia elettrica che a novembre ha segnato il 30,7%.

READ  procedura del venditore per aderire all'iniziativa

quindi un famiglia con consumi medio bassi si concentreranno su alimenti, bollette, casa, vestiti e altre spese accessorie sono suscettibili di soffrono di un’inflazione decisamente alta.

LEGGI ANCHE >>> Conto corrente e Banco Posta, attenti alla “sorpresa”: cosa succede a gennaio 2022

Questa tendenza dovrebbe concludersi a metà del 2022. Tuttavia, dovremo convivere con il basso aumento dei tassi di interesse.. Alla luce di questo scenario, è molto improbabile che le banche decidano di aumentarli.

Tuttavia, alcune famiglie potrebbero decidere di trasferire i propri risparmi in azioni e obbligazioni a tempo debito. A questo punto, le banche sarebbero costrette ad aumentare l’interesse dei clienti per mantenere i propri clienti conti di deposito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *