“Meno isolamento, il virus non è lo stesso”

Quarantena, isolamento, tamponi e vaccini. Le misure devono essere adattate di volta in volta di fronte a una situazione in continua evoluzione. E’ l’opinione del professor Roberto Cauda, ​​direttore delle malattie infettive del policlinico Gemelli e da qualche giorno anche membro del gruppo consultivo scientifico dell’Agenzia europea per i medicinali, Ema.

Professor Cauda, ​​è sicuro ridurre la quarantena?

“L’isolamento e la quarantena sono sempre misure utili per limitare la diffusione del virus e contenere i cluster. Non solo per il Covid ma per tutte le malattie infettive trasmesse per via aerea. Ma le regole della quarantena non sono scolpite ed è evidente che potrebbero cambiare alla luce di nuovi dati. All’inizio i giorni erano 14 poi si sono ridotti. Le regole sono costruite scientificamente ma necessitano di essere aggiornate di volta in volta a fronte di un virus in circolazione. Ora dobbiamo affrontare Omicron che ha tempi di incubazione più brevi rispetto alle varianti precedenti. Bisogna quindi tenere conto di questi dati e del fatto che circa il 29% della popolazione ha già ricevuto la terza dose e il 90% è protetto dalla seconda. Ridurre la quarantena è un’ipotesi praticabile”.

Anche se prendo il vaccino, posso essere infettato?

“La variante Omicron manca del vaccino che protegge bene dalle malattie gravi. Nessuna infezione ed è per questo che ne abbiamo un numero crescente che poi diventa un problema di salute pubblica. Molti altri vaccini contro la pertosse, ad esempio, proteggono dalla malattia ma non dal contagio. Il vaccino ci protegge da malattie gravi, ricoveri e morte”.

Dobbiamo aspettarci un boom di contagi dopo le vacanze?

READ  In Israele ci saranno più voti

“Tra gennaio e febbraio arriverà una nuova onda d’urto. Quindi se un gran numero di persone sta per essere costretto alla quarantena non è sbagliato introdurre una distinzione tra coloro che hanno già ricevuto la terza dose e sono quindi molto ben protetti e coloro che hanno ricevuto una seconda dose per più di sei mesi. . Capisco che potrebbe sembrare che tu stia navigando a vista, ma devi accumulare dati in base all’esperienza. Ad esempio, non sappiamo quanto dura la protezione a 3 dosi. Questo potrebbe anche chiudere la partita o al contrario potrebbe essere necessario un nuovo richiamo”.

Ma la variante Omicron causa malattie meno gravi?

“Stiamo vedendo meno polmonite e più mal di gola e raffreddore. È molto più veloce: è possibile verificare la positività dopo due giorni mentre all’inizio era necessario attendere 5 o 6 giorni per effettuare il tampone”.

Quanto ci si può fidare del tampone antigene?

“Dobbiamo essere realisti, non avremmo mai fatto milioni di tamponi se avessimo usato solo molecole. Quindi l’utilità dell’antigene è innegabile. Certamente non sicuri al 100%, abbiamo una buona percentuale. falsi negativi intorno al 30%. Ma non possiamo farne a meno”.

Quando verrà rilasciato Omicron? E quando usciremo davvero dalla pandemia?

“Data la sua velocità entro la fine dell’anno, avremo la maggioranza dei casi Omicron. Poiché il vaccino non protegge dalle infezioni e ci saranno molti asintomatici in giro, vi esorto ancora una volta a indossare la mascherina all’esterno ed evitare assembramenti. Anche a casa. Ci sono 300 vaccini in fase di studio così come le vie orali e per inalazione. La partita finirà con la scienza, ma bisogna aiutarla con comportamenti responsabili”.

READ  Vaccini, Figliuolo chiude la polemica sulla furbizia: "Basta buttare via le dosi, vaccinare chi passa"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *