Pericolosa ricerca dopo il dramma valanghe italiano: “Corpi smembrati”

Pericolosa ricerca dopo il dramma valanghe italiano: “Corpi smembrati”

Domenica pomeriggio, le cose sono andate terribilmente male quando un enorme pezzo di un ghiacciaio di montagna nelle montagne italiane si è staccato ed è precipitato ad alta velocità. Almeno sette persone sono state uccise.

Guarda le immagini qui sotto di quando il ghiacciaio si stacca:

“Rischio di nuove valanghe”

La quarta vittima è stata ufficialmente identificata lunedì sera. Si tratta di una donna di 54 anni di Levico, nota in Trentino per la vendita di polli allo spiedo con furgone al volante. In precedenza è apparso chiaro che una guida alpina di 52 anni e due alpinisti, di 27 e 48 anni, non sono sopravvissuti al disastro.

La ricerca delle cinque persone ancora disperse è ostacolata dal rischio di ulteriori crolli, spiega il corrispondente Anouk Boone, che ha visitato l’area del disastro. “Rimane pericoloso a causa del rischio di nuove valanghe e smottamenti. Pertanto, vengono utilizzati molto elicotteri e speciali dispositivi di misurazione, compresi i droni. Ho visto anche un team di specialisti dalla Svizzera”.

il corpo rimane

Oggi le parti inferiori del sito valanghe vengono perquisite con i cani, anche se si prevede che alcuni dei dispersi potrebbero non essere mai ritrovati. Boone: “La forza della valanga ha abbattuto enormi blocchi di ghiaccio e massi, rendendo la ricerca particolarmente difficile. Di conseguenza, i corpi delle vittime sono stati smembrati. E alcuni resti di corpi potrebbero non essere recuperati fino a quando non si rompessero pezzi di ghiaccio sciolto.”

La causa esatta dell’eccezionale rottura del ghiacciaio non è stata ancora ufficialmente determinata. L’Italia punta al caldo estremo degli ultimi mesi. Temperature più elevate significano meno neve e ghiaccio e i ghiacciai stanno diventando più piccoli e più instabili.

READ  quando e perché può chiudere un account

scoperto la calotta glaciale

“Ad agosto dello scorso anno il ghiacciaio era ancora bello, bianco, con uno strato di neve”, ha detto Carlo Budel al quotidiano italiano di Punta Penia, un rifugio alpino a 3.343 metri sul livello del mare sulla Marmolada. La Repubblica† “Quest’anno, a fine giugno, la calotta era già completamente esposta: nera, piena di crepacci aperti. Una situazione che non avevo mai visto prima”. Budel dice di aver sentito il suono delle correnti d’acqua sotto la calotta glaciale la scorsa settimana.

C’erano preoccupazioni per la siccità in Italia all’inizio della primavera, ha detto il corrispondente Boone. “Non ricordo l’ultima volta che ha piovuto davvero. Si è intensificato verso la fine di giugno, perché l’acqua nei fiumi della Pianura Padana è troppo bassa”.

“Estate molto calda”

Il governo del premier Draghi lunedì ha dichiarato lo stato di emergenza in cinque regioni settentrionali a causa della siccità. Ciò significa che ci sarà una compensazione finanziaria per gli agricoltori, tra gli altri. Vengono inoltre costituite squadre di crisi per studiare come l’acqua possa essere utilizzata in modo più economico.

Per i turisti – tra cui tradizionalmente molti olandesi – che visitano l’Italia, è importante essere consapevoli del caldo nel paese, afferma Boone. “Si spinge ancora troppo in là per avvisare i turisti. Ma la scorsa settimana faceva già molto caldo in città come Roma, Napoli e Bologna con temperature intorno ai 40 gradi. In Sicilia i record meteorologici sono battuti e va bene essere un’altra estate molto calda”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *