Stam fa pronostici su De Ligt e ha consigli per Gravenberch



Stam fa pronostici su De Ligt e ha consigli per Gravenberch


© ProShots
Stam fa pronostici su De Ligt e ha consigli per Gravenberch

Matthijs de Ligt può diventare il miglior difensore del mondo. Così la pensa Jaap Stam, che in un’intervista ai media italiani parla del difensore della Juventus, del centrocampista dell’Ajax Ryan Gravenberch e della sua personale ambizione di allenatore.

Stam è rimasto senza un club per sei mesi dopo essere stato esonerato dall’FC Cincinnati. Il formatore ha parlato con il giornalista Alfredo Pedullà e gli è stato chiesto se avesse mai voluto lavorare di nuovo in Italia. “Di certo non ho dimenticato il Paese. Sono pronto ad ascoltare qualsiasi proposta, ma il progetto sportivo ha la precedenza su tutto il resto. Anche lo stipendio. Non guardo più troppo al nome del club o alle finanze.

Lo stesso Stam ha giocato, tra gli altri, nella Lazio e nel Milan. Ora vede De Ligt in azione alla Juventus. L’ex difensore è pieno di lodi. “In Italia abbiamo sempre giocato dei buoni difensori. Di solito il migliore. Penso anche che De Ligt sarà il miglior difensore del mondo. È il presente e il futuro della nazionale olandese. Con lui, Orange può avere molto successo.

Graveberch

Gravenberch può anche svolgere un ruolo in Oranje. Il centrocampista dell’Ajax è già disegnato da più lati. “Ma penso che per lui sia consigliabile un altro anno in Olanda”, ha continuato Stam. “E’ un talento interessante ed è ancora giovane. Ha tutte le qualità di un grande centrocampista. Velocità, qualità, resistenza e ingegno tattico.

Stam vede Gravenberch come un classico centrocampista box-to-box. “Penso che possa fare bene in qualsiasi top club, ma qualunque club lo compri, deve essere paziente. Gravenberch deve avere il tempo per abituarsi e un club deve credere davvero nelle sue qualità. Gli manca ancora il piccolo esperienza che si può acquisire solo in campo. È destinato a un grande futuro”.

READ  'Meghan, Harry e Andrea uccisi': la regina cambia monarchia dopo gli scandali

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.