Pezzi di asteroidi duri come la roccia

Sembrano piccoli frammenti di carbonio campioni di terreno raccolti dalla sonda Hayabusa2 durante il secondo avvicinamento dell’asteroide Ryugu ed è arrivato sulla Terra 5 dicembre. I rappresentanti di Jaxa, l’agenzia spaziale giapponese, hanno presentato con grande soddisfazione il nuovo “tesoro extraterrestre” questo giovedì 24 dicembre in una conferenza stampa.

I frammenti, presi durante il rimandare del 5 aprile 2019, sono larghe un centimetro e hanno una durezza paragonabile a quella di roccia e non si rompono quando vengono raccolti o versati in un altro contenitore. La scorsa settimana sono stati descritti i chicchi neri e sabbiosi raccolti il ​​21 febbraio dello scorso anno e conservati in una camera separata.

La sonda Hayabusa2 ha ottenuto i due set di campioni da due diverse aree di Ryugu quando si trovava a più di 300 milioni di chilometri dalla Terra. Il secondo ritiro è di particolare interesse per gli scienziati perché ha permesso di rinunciare materiale sotto la superficie dell’asteroidequindi non contaminato dalle radiazioni spaziali e da altri fattori ambientali. Per ottenerlo, la sonda, una volta raggiunta la giusta distanza da Ryugu, ha sparato a pallina sulla superficie dell’asteroide, raccogliendo, attraverso un tubo, i frammenti generati dall’esplosione che sono stati confiscati a bordo.

Il team dedicato di Jaxa sta lavorando all’esame iniziale dei campioni di asteroidi, che sarà seguito da studi più approfonditi il ​​prossimo anno. Gli scienziati sperano che i campioni forniscano informazioni sulle origini del sistema solare e anche sull’origine della vita sulla Terra. A seguito degli studi in Giappone, alcuni dei campioni saranno condivisi con agenzie spaziali internazionali per ulteriori ricerche.

La missione di Hayabusa2 continua. Una volta che il prezioso carico è stato spedito sul pianeta, il ‘Falco pellegrino ‘ iniziato verso il suo secondo obiettivo: il piccolo asteroide 1998KY26, che raggiungerà nel 2031.

READ  siamo vicini al PUNTO DI NON RITORNO. Per questo VIROLOGO GALLI è preoccupato »ILMETEO.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *