‘Piano di data center di Facebook istituito il giorno prima delle elezioni’ |  Interno

‘Piano di data center di Facebook istituito il giorno prima delle elezioni’ | Interno

Gli oppositori del data center del comune di Flevoland chiamano questa azione tardiva uno “schiaffo in faccia”. “Non mi sembra giusto. Penso che sia inappropriato”, afferma il consigliere della CU Erik van de Beld di Zeewolde. Anche il suo collega di partito Pieter Grinwis alla Camera dei rappresentanti lo definisce “inaudito” e ha posto interrogazioni parlamentari. Grinwis trova incomprensibile che il suo vecchio college persistesse fino a quando è stato “veramente punito enormemente dall’elettore per questo piano irresponsabile”.

‘piccola scelta’

Secondo un portavoce del comune di Zeewolde, l’ex consiglio aveva poca scelta. “Un anno e mezzo fa tutti gli assessori hanno firmato l’obbligo dei mezzi per attuare correttamente il processo decisionale relativo al datacenter. Erano presenti anche CU e Leefbaar. Quindi, come college, non puoi interrompere improvvisamente questo processo.

Una precedente manifestazione davanti al municipio di Zeewolde.

Una precedente manifestazione davanti al municipio di Zeewolde.

A L’Aia, tuttavia, diversi politici stanno valutando la possibilità di bloccare l’arrivo del data center iperscalabile a Zeewolde, ma anche in altre aree. “I risultati delle elezioni municipali di Zeewolde, con gli oppositori del gigadata center di Mark Zuckerberg – Leefbaar Zeewolde e CU – come grandi vincitori, offrono nuove prospettive per togliere dal tavolo questo fastidioso divoratore di energia”, ha detto Grinwis.

Venerdì scorso, il ministro Hugo de Jonge (Pianificazione territoriale) è stato più chiaro che mai nell’opporsi a questa scatola di dati che consuma spazio ed energia. E martedì il Senato voterà su una mozione in cui molti partiti vogliono rimuovere gli ostacoli ai progetti di data center. Il ministro De Jonge aveva precedentemente bloccato l’arrivo di nuovi data center nei Paesi Bassi, ma non nei luoghi dove erano già registrati.

READ  Ecco come si risparmia sui costi fissi dormienti: "Può risparmiare 100 euro al mese"

resistere

Il consigliere Winnie Prins di Liveable Zeewolde spera che questa resistenza ora decollerà. È possibile presentare obiezioni contro il piano di zonizzazione modificato e il nuovo consiglio che sarà formato senza dubbio sosterrà questa obiezione.

Anche il consulente CU Van de Beld di Zeewolde è ottimista sulla possibilità di chiudere il data center. O dal Consiglio di Stato o dall’Agenzia Immobiliare dello Stato che non ha ancora ceduto il terreno. “L’Ucraina è in fiamme. Abbiamo bisogno di cibo ed energia. Non esiste un data center su larga scala che consumi tanta energia quanto 460.000 famiglie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *