Pietra miliare storica: il gabinetto si scusa per la schiavitù passata

Pietra miliare storica: il gabinetto si scusa per la schiavitù passata

Il denaro investito in questo cosiddetto fondo di sensibilizzazione può essere utilizzato, tra le altre cose, per informazioni sul passato della schiavitù nei Paesi Bassi, progetti per attirare l’attenzione su questo argomento e kit educativi nelle scuole.

Un totale di nove ministeri contribuiscono al riempimento del fondo. Secondo un insider, i ministri dei quattro partiti della coalizione (VVD, D66, CDA e CU) stanno così contribuendo a sensibilizzare su cosa hanno fatto i Paesi Bassi durante la schiavitù.

Scuse

La decisione del gabinetto non sarà annunciata prima di metà dicembre. Ciò fa parte di una risposta ufficiale del governo al rapporto pubblicato lo scorso anno dal Gruppo di dialogo sulla storia della schiavitù.

Questo consiglio ha consigliato, tra le altre cose, che il Primo Ministro si scusi a nome del governo per le sofferenze causate. Quindi quest’ultimo arriverà.

Così facendo, il gabinetto segue anche un parere che i gruppi parlamentari D66, CDA, PvdA, SP, GroenLinks, ChristenUnie, Volt e BIJ1 (insieme per 72 seggi) hanno recentemente emesso dopo un viaggio in Suriname e nelle Indie occidentali. Poiché anche DENK e il Partito per gli Animali sono favorevoli a chiedere scuse, le scuse possono contare sul sostegno di una maggioranza parlamentare.

Riconoscimento

Secondo questi parlamentari, le scuse devono essere sincere. Questa sincerità si traduce in un cambio di azione: “Nel modo in cui trattiamo qui e ora la nostra storia coloniale, con i popoli indigeni, gli eredi degli schiavi e con altre vittime dell’era coloniale, come i servi a contratto”, hanno scritto in precedenza i deputati in un parere al gabinetto.

Nel giugno di quest’anno, il governo si è astenuto dal compiere un simile gesto durante la commemorazione annuale dell’abolizione della schiavitù a Keti Koti. Il primo ministro Rutte ha dichiarato a settembre durante una visita di due giorni in Suriname che il prossimo anno dovrebbe essere dominato dal riconoscimento delle sofferenze della schiavitù. L’anno prossimo saranno 150 anni dall’abolizione della schiavitù.

READ  Molto meno rifinanziamento, ma più nuove domande di mutuo | Economia

“Le scuse per il passato di schiavitù sono storiche”

“Questo sarà un passo storico per il governo”, afferma il giornalista politico Fons Lambie. “Il pensiero all’Aia è cambiato negli ultimi anni. I partiti della coalizione D66 e ChristenUnie hanno detto nel 2020: dobbiamo fare questo passo. Negli ultimi anni abbiamo lavorato lentamente in questa direzione. Vedete che molti ministri e segretari di Stato, compreso il primo ministro Rutte, l’hanno esaminato, i membri del gabinetto hanno avuto conversazioni, si sono confrontati direttamente con persone che sono ancora alle prese con le conseguenze degli eccessi di secoli fa. La storia del ministro Weerwind della protezione legale anche fatto impressione. I suoi antenati erano stati ridotti in schiavitù. Questo accade più che nei libri di storia o in una mostra. Ad esempio, il cambio di gabinetto Qualcosa che sembrava politicamente impensabile dieci anni fa ora sta per accadere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *