Utenti di dispositivi di apnea Philips in tribunale per l’accesso ai documenti

Utenti di dispositivi di apnea Philips in tribunale per l’accesso ai documenti

tempo di notizie

Notizie ONS

Centinaia di utenti di dispositivi di apnea Philips sono andati in tribunale, scrive l’NRC. Vogliono costringere il Dipartimento della salute, del benessere e dello sport (VWS) a rilasciare documenti riservati sui dispositivi controversi.

L’avvocato per lesioni personali Mark de Hek ha cercato di ottenere i documenti dall’anno scorso. “Gli oltre seicento utenti che supporto, ma anche gli altri 85.000 utenti nei Paesi Bassi, hanno un grande interesse nell’ottenere questi documenti rapidamente. Le persone sono preoccupate, ansiose e hanno problemi emotivi. Vogliono sapere cosa non va. .,

Si tratta di un migliaio di documenti, tra rapporti di ricerca, analisi dei rischi e corrispondenza tra Philips e il ministero.

Philips ha avvertito nel giugno dello scorso anno di problemi con i dispositivi. Gli utenti non sono ancora sicuri delle indagini in corso di Philips. Devono fornire una risposta definitiva sulla sicurezza della schiuma che può causare problemi di salute
come asma, reazioni infiammatorie e cancro. Un richiamo mondiale costerà a Philips quasi un miliardo di euro. Alcuni pazienti dicono all’NRC che non hanno ancora un nuovo dispositivo.

“Scusa per l’incertezza”

Il quotidiano ha riferito che c’erano già problemi con la schiuma nei dispositivi di apnea nel 2016, ma ci sono voluti cinque anni prima che Philips li immettesse sul mercato. I pazienti vogliono sapere cosa ne sapeva il dipartimento. “Un ministero che pretende di difendere la salute e il benessere pubblico dovrebbe essere più attivamente coinvolto nella difficile situazione di queste persone”, afferma De Hek. “È triste che Philips e il Dipartimento della salute, del benessere e dello sport abbiano lasciato queste persone al freddo per oltre un anno non rilasciando questi documenti”.

READ  Impiegati GGD in strada, agenzie interinali "rendono difficile" il TFR

Philips non rilascia dichiarazioni sostanziali sulle indagini in corso, informa la società al quotidiano. Tuttavia, si scusa per l’incertezza che è sorta. “Stiamo facendo tutto il possibile per portare una soluzione a tutti i pazienti il ​​più rapidamente possibile”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *