Pinot Grigio, Uva Pubica Straordinaria – NRC

Quando il wine master e scrittore inglese Tim Atkin ha annunciato in un seminario nel 2016 di aver sviluppato uno speciale bicchiere da vino per il pinot grigio, i professionisti del vino nella stanza si sono grattati la testa. Atkin dice di aver trovato la forma del calice perfetta per esaltare i sapori del pinot grigio. “C’è un grosso buco sul fondo, così il vino può andare dritto nella fossa dei rifiuti!” Risate di sollievo in sala. Naturalmente, un intenditore come Atkin non si assocerebbe mai a un vitigno così “ordinario”!

Se ordini un vino bianco della casa al pub, hai buone possibilità di ottenere un pinot grigio. Quest’uva amichevole con aromi dolci di fiori e pere è stata una delle preferite dal pubblico negli ultimi dieci anni. Intorno al 2010, ha battuto lo chardonnay come il bianco più venduto nel mercato di consumo globale. Nei Paesi Bassi è al terzo posto nelle vendite di vini bianchi nei supermercati, dopo Chardonnay e Sauvignon Blanc.

Leggi anche: Come il vino naturale è diventato uno status symbol tra i giovani cittadini

Con il suo carattere sottile, il Pinot Grigio non ha molto da infastidire, ma molti sommelier e critici di vino storcono il naso. “Sporco”, “noioso” e “per principianti” hanno dato un piccolo assaggio di colleghi di vino tramite Instagram.

“La vergogna dell’uva”, la ridicolaggine dei vitigni, la vediamo più spesso nei vini popolari. Lo Chardonnay, ad esempio, è stato deriso per anni con la risposta della ABC quando gli è stato chiesto cosa qualcuno vuole bere: Anything But Chardonnay. E l’immagine del Merlot non si è ancora completamente ripresa da quando è stata ridicolizzata nel 2004. nella commedia del vino di successoaccanto al

READ  Brindisi-Pesaro alle 20:45 | LIVE basket Final 8 Coppa Italia

Succede alle uve migliori, e c’era da aspettarsi che l’ira degli snob si riversasse anche nel canone di vendita del Pinot Grigio. L’elevata domanda porta alla produzione di massa, che generalmente non va a vantaggio della qualità media, che spinge l’élite del vino a prenderne le distanze.

Tuttavia, è notevole che gli intenditori amalgamino tutti i vini di una varietà. Precisamente, dovrebbero conoscere meglio; vini migliori e peggiori sono fatti da ogni vitigno. Inoltre, non si sente mai nessuno lamentarsi del pinot grigio o del grauburgunder, ed è lo stesso vitigno.

Pinot grigio è il nome italiano del pinot grigio francese. Questo discendente della famosa famiglia di uve Pinot prende il nome anche dal colore della sua buccia. Con una tonalità grigio-rosa-arancio, è esattamente tra il bianco e il nero. I viticoltori possono quindi produrre vino bianco, ma anche vitigni rosa e giallastri facendo macerare il mosto sulle bucce per un certo tempo prima della pigiatura.

Succo d’uva Weig

Sebbene tecnicamente sia un’uva rossa, la maggior parte dei pinot grigi sono bianchi, con stili diversi a seconda della regione. I francesi sono noti per il Pinot Grigio speziato e affumicato dell’Alsazia (sia secco che dolce), i tedeschi fanno il Grauburgunder pieno e speziato e dall’Italia conosciamo il seducente Pinot Grigio dolce e fruttato. Lo stile italiano è così popolare che viene copiato dai produttori di vino di tutto il mondo ed etichettato come pinot grigio (non pinot grigio).

Più della metà del Pinot Grigio del mondo è piantato nel nord Italia. Fino agli anni ’60 gli italiani producevano un vino tradizionale color rame, il ramato, che non era sempre puro. Quando nel 1961 l’azienda vinicola veneziana Santa Margherita introdusse in via sperimentale un pinot grigio pulito, giallo paglierino con aromi fruttati e floreali, nacque il successo. Primi solo in Italia, dagli anni ’80 anche ben oltre confine. Specialmente in America questo lo era facile Grigio da non trascinare. È ancora oggi il vino più importato.

READ  Cdm il 5 gennaio. Vaccino obbligatorio per over 50 Servizi e negozi: basterà il Basic Pass

Gli stessi Stati Uniti sono il luogo di nascita di uno stile diverso, quasi acquoso di pinot grigio noto come “Blush”. Ora è anche esploso dagli scaffali olandesi con una brezza di marketing. Rappresentano tutto ciò che gli snob del vino detestano in un mediocre pinot grigio da tre euro: succo d’uva dolce con dolcezza e una sensazione appiccicosa in bocca. (Esattamente quello che piace a molte persone, a quanto pare.)

Leggi anche: Top sommelier Mees List: “Il vino naturale ha molta più lunghezza e profondità. È infinitamente più interessante

Certamente è necessario cercare un po’, ma vini molto eleganti sono fatti dal pinot grigio. Al suo meglio, eccelle in una sottile combinazione di fresco e cremoso, con fiori di mela e pero e una mineralità e succosità particolarmente amichevoli.

I più emozionanti provengono dalle alte quote, come le regioni montuose del Friuli e del Trentino-Alto Adige nel nord Italia. Un flusso incessante di pinot grigio bianco sfuso scorre dal vicino Veneto, alimentando i dubbiosi.

Per limitare la produzione sfusa e migliorare la qualità media, gli italiani hanno creato nel 2017 un Pinot Grigio delle Venezie DOC, per cercare di salvare l’onore dell’uva. Ma resta da vedere cosa intende fare il resto del mondo con l’uva. A proposito, non tutti i professionisti del vino hanno qualcosa contro i grigi gargarismi convenzionali. Il sommelier Bram Faber del ristorante/caviste Oonivoo me lo fa sapere tramite Instagram: “Potrebbero mancare di profondità e carattere, ma sono tanto più commercialmente interessanti. Il consumatore medio ne va matto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.