Politici con il bonus di 600 euro, Tridico non fa i nomi e (ancora) chiama in causa la privacy. "La task force antifrode ha indagato sulle anomalie e sta valutando eventuali richieste di restituzione"

Politici con il bonus di 600 euro, Tridico non fa i nomi e (ancora) chiama in causa la privacy. “La task force antifrode ha indagato sulle anomalie e sta valutando eventuali richieste di restituzione”

Ore 19 – iscriviti alla newsletter e ricevi gli ultimi aggiornamenti nella tua casella di posta.

Non dà, come tutti si aspettavano, i nomi di deputati e politici locali che hanno chiesto il bonus 600 euro: chiama ancora in discussione il Garante della Privacy, che ha anche già dato il via libera. Sostiene che l’istituto, in un “momento convulso” in cui era necessario “dare una risposta rapida ai cittadini”, ha pagato 13,3 milioni di benefici per Covid, compreso over 4 milioni bonus. E negare la “caccia alle streghe”: se è così Task force INPS antifrode identificato i nomi dei cinque deputati ei politici locali che l’hanno chiesto è perché loro particolare posizione pensionistica richiedeva ulteriori studi. Come quelli di altri 40mila soci INPS. Pasquale Tridico, nell’attesa udienza in videoconferenza presso la commissione lavori della Camera, difende la procedura seguita dall’istituto (“abbiamo seguito la legge”) e respinge al mittente “ogni accusa contro di me e verso i miei dirigenti e funzionari di un’azione manipolata. Le strutture sono autonome e la loro azione è stata ottima, hanno donato lacrime e sangue per mettersi al servizio del Paese ”.

Approfondimenti antifrode su 40mila posizioni – Sul primo aspetto Tridic – accompagnato in udienza da alcuni funzionari tra cui Antonello Crudo, che guida il task force frode – ricorda che uno dei requisiti per ottenere il bonus era il fatto di “non avere diritto alla pensione né registrato in altri moduli obbligatori di sicurezza socialeQuesto è l’aspetto chiave, perché è qui che sono iniziate le indagini antifrode, avviate dopo il pagamento dei bonus Marzo e aprile (il secondo è stato automaticamente riconosciuto) poiché “nel periodo covid la necessità era di pagare e non di controllare, paga ora e poi controlla“. La procedura costruita dall’amministrazione” si basa su legge. Sulla base dei nostri archivi attingiamo alla presenza o meno di altri fondi pensione obbligatori ”, ha spiegato Tridico. E così sono emerse alcune anomalie, tra cui quella di “40mila le persone presenti e iscritte ad altra forma di pensione“.

READ  "Lo scudetto? L'Inter è cresciuta, ma non è ancora così competitiva. Mi sembrano poche idee"

“I parlamentari hanno una gestione pensionistica interna” – “Per evitare comportamenti fraudolenti, l’attenzione è stata focalizzata sugli amministratori locali”, che hanno “una propria forma di pensione”. Poi “si è ritenuto che anche i parlamentari meritassero un approfondimento poiché hanno una propria gestione pensionistica interna ”, riformata dopo l’abolizione del vitalizi. A quel punto “i dati degli open data di Ministero dell’Interno e Camera e Senato su amministratori e deputati locali e attraversare con i candidati bonus “. Il problema è questo non è chiaro nemmeno all’INPS se debba essere presa in considerazione la gestione dei parlamentari previdenza sociale obbligatoria e così sia causa ostava previo pagamento del bonus. Tant’è che sulle loro posizioni “il le indagini sono ancora in corso oggi per verificare se dovrebbe esserci una richiesta per ritorno indebitoIndebito che per ciascuno dei beneficiari ammonti effettivamente a 1.200 euro, visto che il bonus di aprile è stato riconosciuto automaticamente a chi aveva usufruito del bonus di marzo.

“I nomi non sono stati dati dall’istituto. Apri audit sulle perdite “ – Il secondo capitolo riguarda il fuga di notizie, che ha scatenato polemiche sulla presunta produzione “a orologeria” per influenzare il referendum sul taglio dei parlamentari. “Non hanno lasciato il sottoscritto, rimando al mittente le accuse mosse per scopi che mi sfuggono, accuse infondate da rispedire al mittente ”, ha detto Tridico, infatti“ ho ordinato un audit interno per capire se la notizia è stata rubato istituzione. Le notizie L’ho condiviso a fine maggio con il consiglio di amministrazione dell’Istituto, per consentire poi lo svolgimento dei necessari accertamenti “. Il vicepresidente siede nel consiglio Marialuisa Gnecchi, ex parlamentare del Pd vicino all’ex ministro del Lavoro Cesare Damiano, Rosario De Luca, presidente della Foundation for Labor Consultants Studies, Roberto Lancellotti, consulente aziendale e direttore di MPS, e Patrizia Tullini, professore di diritto del lavoro. Si è aperto il Garante della Privacy un’indagine sulla metodologia seguita dall’istituto rispetto a elaborazione dati.
“Il 7 agosto mi chiama Molinari, Direttore di Repubblica, dicendomi che aveva la notizia e chiedendomi i nomi ”, ha ricostruito Tridico. “Non glielo do. Aspetta il giorno dopo, poi la notizia esce senza i nomi. ero sorpreso, questa notizia non è uscita dal sottoscritto. E come vedete oggi nessuno ha dato nomi, si sono auto-segnalati sia a livello nazionale che locale ”. La direzione di Repubblica ha confermato, affermando che “la notizia era arrivata al giornale attraverso un’altra fonte la cui identità non verrà rivelata in linea con quanto scritto nel codice deontologico dei giornalisti “.

READ  Borsa Italiana, il commento alla seduta odierna (19 agosto 2020)

Nessun nome: “Serve una richiesta formale e lo chiederemo al Garante” – D’altra parte, si è pensato che l’udienza fosse la sede giusta per Tridico per nominare quei nomi, in attesa di una risposta alle richieste di accesso ai documenti inviato tra gli altri anche da Fatto. Anche perché il Garante della Privacy chiarito che l’autorizzazione è dovuta a persone con cariche pubbliche che hanno ricevuto benefici statali. Ma Tridico ha detto che quella nota non basta: “Abbiamo investito il garante, che ha scritto una nota, che ha bisogno di un approfondimento, che è in corso “. Insomma: ancora oggi non si conoscono i nominativi di chi non si è ancora denunciato, cioè di chi ha richiesto il bonus senza ottenerlo.” Se ci invia una richiesta formale da parte del Presidenza, valuteremo con il Garante se fornirli “, ha detto l’economista. Serracchiani ha chiesto che, una volta acquisito il parere,” lo renda noto alla presidenza della commissione e, se i nomi possono essere acquisiti, io chiederà ai commissari di dare una risposta “.

Nessun chiarimento anche per quanto riguarda il telefonata del Vicepresidente della Camera Ettore Rosato (Italia viva) che pochi giorni fa ha riferito di aver sentito e ricevuto Tridico rassicurazioni “Di cui nessun parlamentare Iv incassato il bonus “. Il presidente dell’Inps non ha risposto alle domande dei membri della commissione, limitandosi a dire che si tratta di una” questione personale che esula dal lavoro della Camera “.

Oltre a quelli di tanti amministratori locali, nei giorni scorsi sono emersi tre nomi tra quelli dei cinque deputati che hanno chiesto un’indennità di 600 euro: è il Lega Nord Andrea Dara Ed Elena Murelli, che il Carroccio ha “sospeso”e di Marco Rizzone del M5S, deferito al collegio arbitrale dal leader politico Vito Crimi chiedendo “l’immediata e massima sospensione gravità nella sanzione “. Gli altri due, che hanno chiesto il bonus ma non l’hanno ottenuto.

READ  Milan, Ibrahimovic firmato fino al 2021: ora a Milanello per gli allenamenti VIDEO | Prima pagina

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento
abbiamo bisogno di voi.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo coscienziosamente il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui su ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste ad esperti, sondaggi, video e molto altro ancora. Tutto questo lavoro, però, ha un grande costo economico. La pubblicità, in un momento in cui l’economia è ferma, offre entrate limitate. Non in linea con il boom dell’accesso. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Per darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino a settimana, indispensabile per il nostro lavoro.
Diventa un utente di supporto cliccando qui.

Grazie
Peter Gomez

Ma ora siamo noi che abbiamo bisogno di te. Perché il nostro lavoro ha un costo. Siamo orgogliosi di poter offrire gratuitamente ogni giorno centinaia di nuovi contenuti a tutti i cittadini. Ma la pubblicità, in un momento in cui l’economia è ferma, offre entrate limitate. Non in linea con il boom degli accessi a ilfattoquotidiano.it. Per questo ti chiedo di sostenerci, con un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino a settimana. Una piccola ma fondamentale somma per il nostro lavoro. Dacci una mano!
Diventa un utente di supporto!

Con gratitudine
Peter Gomez


ilFattoquotidiano.it

Supporto ora


Pagamenti disponibili

Articolo precedente

A due anni dal crollo del ponte Morandi, Conte alla commemorazione: “Impegno per la messa in sicurezza delle nostre infrastrutture”

Il prossimo


Articolo successivo

Morandi, due anni dopo. Conta ai parenti delle vittime: “Non vi lasceremo soli nella richiesta di verità, siamo al vostro fianco”

Il prossimo


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *