Possiamo potenziare il nostro cervello con una siringa?

Possiamo potenziare il nostro cervello con una siringa?

Possiamo potenziare il nostro cervello con una siringa?

Scienziati delle università di Yale e della California hanno pubblicato uno studio su una rivista questa settimana Natura dimostrando che una singola iniezione di una certa proteina può migliorare la funzione cerebrale nelle scimmie più anziane. Gli autori dello studio sperano che alla fine si possano sviluppare farmaci per stimolare il cervello umano.

La funzione cerebrale di 18 macachi rhesus anziani a cui è stata iniettata la proteina klotho, dal nome dell’omonima dea greca che tesse il filo della vita umana, è migliorata in un periodo di diverse settimane. In particolare, si trattava di migliorare la memoria di lavoro, la capacità di ricordare le informazioni per un breve periodo durante l’esecuzione di un’attività. La memoria di lavoro si indebolisce man mano che una persona invecchia. Ciò si verifica anche nelle scimmie rhesus. Gli scienziati hanno usato scimmie rhesus perché condividono il 93% del loro DNA con gli umani.

Le scimmie sono state sottoposte a test che hanno testato la memoria di lavoro, prima di essere iniettate e diverse volte dopo aver ricevuto l’iniezione. C’erano due varianti del compito: una versione facile e una versione difficile. Dopo l’iniezione, le scimmie sono migliorate di circa il 6% nella variante facile e di non meno del 20% nella variante difficile.

Attivo per due settimane

Ancora più sorprendente è il fatto che i risultati sono stati ancora migliori due settimane dopo l’iniezione. Tuttavia, Cloto è già scomposto dal corpo dopo pochi giorni. Ciò significa che gli effetti cognitivi durano più a lungo della vita della proteina. Non è ancora noto se funzionerebbe anche una seconda iniezione, due settimane dopo la prima. Inoltre, non è chiaro se gli effetti dureranno più a lungo, poiché i dati sono stati raccolti solo per un periodo di due settimane.

READ  Il numero massimo di tazze di caffè al giorno secondo la ricerca

Inoltre, lo studio ha esaminato solo se la memoria di lavoro è migliorata. Altri tipi di memoria, come la memoria procedurale o la capacità di ricordare come eseguire determinati compiti, non sono stati testati. Inoltre, non è ancora certo che i risultati possano essere riprodotti nell’uomo.

Prova umana

I ricercatori ora sperano di condurre ulteriori ricerche e iniziare con soggetti umani il prima possibile. La memoria di lavoro e cose come il pensiero per la risoluzione dei problemi saranno testate. Forse il klotho verrà inizialmente testato su persone anziane, che sono già meno acute mentalmente dei giovani. Dopotutto, le persone nascono con quantità relativamente elevate di klotho, ma la concentrazione diminuisce con l’età.

Nell’esperimento della scimmia rhesus, è stata data una siringa che ha abbassato il livello a quello di un bambino. Tuttavia, è probabile che gli studi sull’uomo inizino con dosi più basse. I più giovani potrebbero anche essere testati in prove successive per vedere se il klotho può essere usato come prevenzione.

In ogni caso, il klotho sembra svolgere un ruolo importante nella salute mentale delle persone anziane. Uno studio del 2014 ha rilevato che le persone di età compresa tra 52 e 85 anni con concentrazioni più elevate di proteine migliori risultati nei test cognitivi. Studi sui topi hanno persino dimostrato che gli animali che avevano più klotho vissuto il 20-30% in piùe aveva meno sintomi della vecchiaia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *