Quanto è salutare il digiuno intermittente?

Quanto è salutare il digiuno intermittente?

Il digiuno non fa parte solo di varie religioni, come il Ramadan e il periodo di digiuno prima della Pasqua, ma negli ultimi anni è diventato indispensabile anche come metodo per dimagrire. Celebrità come Amicil’attrice Jennifer Aniston elogia il digiuno intermittente come un modo per mantenere il peso, e anche il guru del fitness Arie Boomsma è un fan.

Il digiuno intermittente ha molte varianti, di cui la maggior parte delle persone, secondo la dietista Marie-José Torenvliet della pratica NutriFit, segue il metodo 16:8: mangiare entro un periodo di otto ore e non mangiare nulla per sedici ore. Secondo Torenvliet, che ha scritto il libro “(H)riconosci la tua fame”, il digiuno intermittente può davvero ripagare la perdita di peso, a condizione che sia fatto in modo ragionevole. E le cose non vanno sempre bene lì, osserva. “Siamo tutti veloci, ma non consapevolmente. Per molte persone, non mangiare per otto o dieci ore è normale perché dormi la maggior parte della notte. Con il digiuno intermittente, prolunghi questo periodo senza mangiare. Quindi, ad esempio, mangi solo alle 12:00 anziché alle 07:00. Le tue riserve di grasso vengono utilizzate maggiormente in questo modo, quindi perderai effettivamente peso. Indirettamente, il digiuno ha un effetto positivo sul colesterolo e sulla pressione sanguigna, tra le altre cose. Torenvliet osserva che le persone spesso mangiano tutto il giorno: biscotti con caffè qui, Cup-a-Soupje là. “Digerire il cibo costa molta energia al tuo corpo e alcune persone si sentono più energiche e concentrate accorciando i tempi dei pasti”.

Se il digiuno temporaneo è salutare è determinato dal fatto che ne consumi abbastanza. Saltare la colazione non è saggio. “Se salti i pasti, il tuo corpo ti incoraggia a mangiare di più. Se salti uno dei tre pasti al giorno, perdi importanti nutrienti come vitamine, minerali e proteine. Ti influenzerà a lungo termine.

READ  Cristallizzazione finché la terra non galleggia

Accorciare il tempo in cui si mangia è il modo giusto per digiunare, conclude Torenvliet. “Ha un effetto da non sottovalutare e fornisce benefici per la salute. Le tentazioni da mangiare sono innumerevoli. Ad esempio, concorda con te stesso di mangiare tra mezzogiorno e le 20:00. Quindi si decide rapidamente di lasciare questa prelibatezza al lavoro perché non è ancora il momento.

Un’altra trappola è la gravità del digiuno. Torenvliet vede alcuni andare troppo oltre. “La dieta rigorosa è insostenibile. Ci sono persone che prolungano il loro tempo di digiuno fino a 23 ore senza mangiare o talvolta anche di più: 36 o 48 ore. Se mangi troppo poco, la produzione degli ormoni della fame diventa molto importante e lo stimolo alimentare è più importante. Non appena ricominci a mangiare, non puoi più controllarti. Se questo digiuno prolungato è uno schema settimanale, in realtà stai creando un disturbo alimentare. Torenvliet quindi sostiene un digiuno praticamente fattibile. “Nei giorni feriali, 16:8 è fattibile. Nei fine settimana, quando hai più obblighi sociali, ad esempio, sii più flessibile scaglionando il tempo. A causa di un approccio regolamentato – mangiare sempre in otto ore – il digiuno intermittente è diventato uno stile di vita piuttosto che una dieta per molti dei miei clienti.

In Het Consult, gli esperti rispondono ogni settimana alle domande sulla salute dei lettori. Anche una questione di salute? Invia un’e-mail a [email protected].

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *