Quanto tempo ci vuole prima che il nucleo della Terra esaurisca il carburante?

Il nucleo del nostro pianeta è ciò che essenzialmente ci permette di vivere in questo bellissimo posto che ora chiamiamo Terra. Il nucleo esterno del nostro mondo, infatti, è ciò che guida lo scudo sopra di noi, la magnetosfera; molto importante perché ci protegge dai raggi cosmici. Ma quanto durerà?

Non preoccuparti, perché gli scienziati sono certi che il nucleo – caldo fino a circa 10.000 gradi Celsius – si raffredda molto lentamente. Per mantenere caldo il centro della Terra, esistono due diverse fonti di combustibile: l’energia primordiale rimasta dalla formazione del pianeta (avvenuta 4,5 miliardi di anni fa) e l’energia energia nucleare che esiste a causa del decadimento radioattivo naturale.

Sebbene il calore primordiale si sia ampiamente dissipato, l’altra forma di calore continua a riscaldare il mantello e la crosta terrestre. Alcune stime del raffreddamento del nucleo terrestre indicano che ci vorranno decine di miliardi di anni, fino a 91 miliardi di anni. Un tempo incredibilmente lungo, più dell’età dell’universo, Probabilmente lo è il nostro sole morirà molto prima.

In questo momento, tuttavia, non è chiaro quanta energia primordiale e radioattiva rimanga. Per questo motivo, c’è una grande lacuna nei dati che abbiamo. Per determinare quanto combustibile nucleare è rimasto sulla Terra, i ricercatori stanno utilizzando sensori avanzati per rilevare alcune delle particelle subatomiche più piccole conosciute dalla scienza: Geoneutrini.

Stiamo parlando di un neutrino (o antineutrino) emesso durante il decadimento del radionuclide presente in natura sul nostro pianeta. Rilevare queste particelle è incredibilmente difficile e i rilevatori, delle dimensioni di un edificio, sono sepolti diversi metri sotto la superficie essere totalmente protetti. Il più grande rilevatore di questo tipo sarà JUNO, più di venti volte più grande di quelli attualmente in uso, e sarà operativo nel 2021.

READ  Un altro cavo ha danneggiato nuovamente il radiotelescopio di Arecibo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *