Quel giorno, gli inglesi bruciarono il Campidoglio e consacrarono Washington

Un servizioil precedente del 1814

L’incendio iniziato nel 1814 dalle truppe britanniche cambiò l’atteggiamento degli americani nei confronti dei grandi uffici governativi

di Antonella Scott

Stati Uniti, attacco alla democrazia: 4 morti nelle proteste pro-Trump

L’incendio iniziato nel 1814 dalle truppe britanniche cambiò l’atteggiamento degli americani nei confronti dei grandi uffici governativi

4 ‘letto

L’attacco a Capitol Hill non ha precedenti nella storia americana, ripetono i commentatori. Infatti, per tornare a un’altra incursione nelle sale che ospitano i rappresentanti del popolo nei due organi legislativi degli Stati Uniti, Camera dei Rappresentanti e Senato, bisogna risalire alle origini di questo luogo eletto al centro esatto del capitale e dove George Washington, nel 1793, pose la prima pietra di quello che sarebbe diventato il simbolo della democrazia americana.

Il Congresso era già in funzione ma la costruzione non era ancora completa quando, nell’agosto 1814, l’edificio fu attaccato e incendiato dalle truppe britanniche: la guerra del 1812 era stata dichiarata dagli americani in risposta alle interferenze commerciali L’Inghilterra nel traffico atlantico. Nell’estate del 1814, dopo aver spazzato via le difese americane entrando da Chesapeake Bay, un contingente britannico arrivò per occupare Washington e parte della costa orientale, bruciando edifici governativi: oltre al Campidoglio, la Casa Bianca .

Caricamento in corso…

Impreparato contro l’Impero

Duecento anni dopo, il Washington Post pubblicò un lungo resoconto di questi eventi in un articolo ora riutilizzato. 24 agosto 1814, sette del mattino: “La giornata iniziò come tante altre a Washington, con un incontro terribilmente lungo segnato da confusione, disinformazione e indecisione. Gli inglesi stavano arrivando, marciando in direzione di Washington. Lo scopo esatto degli invasori non era chiaro, ma “le loro intenzioni erano certamente dannose”. E gli Stati Uniti non erano preparati ad affrontare l’Impero britannico.

READ  Il Black Friday di Amazon dura 2 giorni e inizia tra poche ore

James Madison, il quarto presidente di questi giovani Stati Uniti, un repubblicano come il suo predecessore Thomas Jefferson, aveva convocato un consiglio di guerra con i generali e membri del governo. John Armstrong, ministro della Guerra, “clamorosamente in ritardo per l’incontro, aveva sostenuto nei giorni precedenti che gli inglesi non avrebbero attaccato Washington, perché era troppo piccola, con solo 8.000 residenti e pochi edifici governativi. grandiosi sparsi a grande distanza l’uno dall’altro “.

Gli inglesi contavano 4500 soldati forgiati durante le guerre napoleoniche. Gli americani hanno schierato 5.500 uomini per difendere la capitale, per lo più milizie locali, composte da agricoltori e commercianti poco addestrati. Pertanto, la riunione del governo ha emesso un bollettino che indicava che il nemico si trovava ora a Bladensburg, a sole sei miglia dal Campidoglio. “I generali si sono precipitati sul campo di battaglia, anche Madison ha deciso di andare, qualcuno gli ha dato due pistole. Era un mese di agosto terribilmente caldo e secco, il sole stava tramontando ”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *