Questi i 10 maggiori contendenti per la vittoria assoluta al Giro d’Italia |  pagamento

Questi i 10 maggiori contendenti per la vittoria assoluta al Giro d’Italia | pagamento

Non cercate Tadej Pogacar, Primoz Roglic o Remco Evenepoel: nel campo dei partecipanti al Giro d’Italia mancano molti tastemaker, ma ci sono abbastanza candidati per la maglia rosa. Chi sorride il 29 maggio a Verona? Sono loro i protagonisti attesi in un campo da titolare aperto e senza un chiaro favorito.

1. Richard Carapaz (Ineos Granatieri)

Il Giro d’Italia si conclude il 29 maggio con una cronometro a Verona. Rievoca bei ricordi di Richard Carapaz, che ha ottenuto la sua maglia rosa nell’arena nel 2019.

Carapaz poi lo ha fatto da outsider, quest’anno è il leader schietto degli Ineos Grenadiers ed è forse il grande favorito.

Carapaz è stato spinto nel ruolo dai cambiamenti interni al roster britannico in seguito all’incidente di Egan Bernal ed è circondato dai pensionati Richie Porte e Pavel Sivakov.

Il suo inizio di stagione non è andato liscio a causa di una caduta a Bessèges e di un’infezione da corona in Provenza, ma la vittoria di tappa in Catalogna ha senza dubbio rassicurato il campione olimpico.

Riuscirà Richard Carapaz a trionfare una seconda volta a Verona?

2. Simon Yates (scambio bici)

Simon Yates ha ancora un conto da regolare con il Giro. Nel 2018 è stato signore e maestro con 3 vittorie di tappa, fino a questa monumentale rottura in maglia rosa.

Yates ha vinto la Vuelta quell’anno ed è arrivato 3° in Italia l’anno scorso, ma vuole finalmente scrollarsi di dosso il trauma di qualche anno fa nello stivale.

Il britannico è arrivato 2° alla Parigi-Nizza, è impallidito in Catalogna e ha vinto il Giro delle Asturie lo scorso fine settimana.

Un giorno dopo la sua vittoria ha già incontrato l’uomo con il martello (a causa del caldo, secondo Yates) e il giorno dopo ha vinto di nuovo. Con il britannico è stato così per molto tempo: alti e bassi.

Simon Yates ha ancora un osso da sistemare con il Giro.

3. João Almeida (Emirati Arabi Uniti)

Tadej Pogacar ei suoi alpinisti sono concentrati sul Tour, Joao Almeida può provare a ripagare la sua busta paga al Giro dopo una discreta primavera senza grosse aberrazioni.

Fu amore a prima vista tra i portoghesi e il Giro d’Italia. Almeida ha indossato la maglia rosa per due settimane nel 2020 e alla fine è arrivata 4a. L’anno scorso si è classificato 6°.

La sua cronometro è un vantaggio, ma a causa del numero limitato di chilometri cronometrati, Almeida dovrà principalmente resistere e sopravvivere in alta montagna.

Joao Almeida ha pedalato su una nuvola rosa nel 2020.

4. Miguel Angel Lopez (Astana Qazaqstan)

Chiunque etichetti Astana Qazaqstan come seguace questa primavera è in realtà ancora troppo dolce.

Le magliette blu sono – in parte a causa di problemi di pagamento – davvero da nessuna parte, ma Miguel Angel Lopez ha recentemente dato un segno di vita nel mucchio di sabbia smossa con una vittoria di tappa al Tour of the Alps.

Il colombiano è stato liberato dalla sua prigionia tattica a Movistar ed è tornato al vecchio nido per acquisire la piena leadership in un Grand Tour.

Al Giro deve tollerare Nestor Vincenzo Nibali, ma per un podio o più Lopez è l’unica opzione praticabile nelle loro file.

Miguel Angel Lopez ha bisogno di riportare l’Astana sulla mappa.

5. Mikel Landa (vittorioso in Bahrain)

Quante volte Mikel Landa sarebbe apparso in una lista del genere? E quante volte avrebbe deluso alla fine di questa storia trabocchetto?

In termini di stile di arrampicata ottiene 10 su 10, ma sfortunatamente Landa sembra avere poteri magnetici quando si tratta di sfortuna in un grande trucco.

Cadute, raffiche di vento o malattie: negli ultimi anni Landa non ha fatto una bella corsa senza battute d’arresto.

Non sarà la sua squadra sulla carta: con Pello Bilbao, Wout Poels, Santiago Buitrago e Jan Tratnik il blocco è visibile.

Oppure fraintendiamo la distribuzione dei ruoli e Landa è il parafulmine per Bilbao, che negli ultimi anni ha mostrato maggiore affidabilità?

Mikel Landa galleggia come se fosse nei suoi giorni migliori?

6. Romain Bardet (DSM)

Romain Bardet ha lasciato la sua versione frugale all’AG2R, dove non poteva più sopportare le pressioni interne e le aspettative dei francesi.

Dopo alcuni fallimenti al Tour de France, Bardet è tornato in vita al DSM. Lo fa con un atteggiamento più offensivo, atteggiamento regolarmente premiato nei suoi risultati.

Bardet è più calmo, ha vinto il Giro delle Alpi due settimane fa e può puntare per una bella lista, anche se il francese farà di tutto per trasferire il peso di un ruolo preferito sulla concorrenza.

Nella sua squadra, può fare affidamento sulla rivelazione Thymen Arensman, un ragazzo di 22 anni assennato a cui i Paesi Bassi sono già affezionati.

Romain Bardet ha vinto una tappa della Vuelta l’anno scorso.

7. Tom Dumoulin (Jumbo-Visma)

Nella primavera del 2021, non sembrava che Tom Dumoulin sarebbe tornato nel gruppo, per non parlare di un altro Grand Tour.

Ma il sangue scorre ancora dove non può andare e il grande vincitore del 2017 vuole sfidare ancora se stesso: riuscirà a dare vita alla versione migliore di se stesso?

Il suo ritorno nel 2021 ha dato alcuni segnali incoraggianti, il 2022 è stato finora accidentato con problemi alla schiena, infezione da corona e un programma interrotto nella sua ricerca di sollievo.

Dopo l’Amstel si recò a Tenerife in alta quota. È un mistero per il mondo esterno con cui sono scese le gambe di Dumoulin. A Budapest, Tobias Foss e, in misura minore, Sam Oomen iniziano allo stesso livello nella gerarchia interna.

Tom Dumoulin vuole finire in Italia.

8. Hugh Carthy (EF-EasyPost)

Il 3° posto alla Vuelta 2020 sembrava essere la grande occasione di Hugh Carthy, ma da allora il grande britannico ha preso a calci il dischetto. Anche nel 2022 non salirà di livello, proprio come tutta la sua squadra.

L’ultima settimana con un gigante dietro l’altro sembra perfetta per la grandiosa Carthy, che mostra ancora una curva in salita nelle sue forme e per la quale la mancanza di chilometri a cronometro suona come una musica per le orecchie. Una camicia rosa è un capo di tutti i giorni per Carthy.

Nella Vuelta 2020 Carthy è stato molto forte.

9. Giulio Ciccone (Trek Segafredo)

Con Giulio Ciccone può congelare o scongelare. Il piccolo italiano è stato particolarmente generoso con i suoi sforzi lo scorso anno e ha fatto parlare a lungo Egan Bernal, ma il suo pallone si è sgonfiato nell’ultima settimana.

Ciccone vuole finalmente giocare dalla A alla Z per la classifica nel suo paese natale e non corre dai tempi della Catalogna. Un 10° posto alla Tirreno-Adriatico è il suo punto di riferimento.

Riuscirà Ciccone a resistere alla pressione italiana?

10. Wilco Kelderman (Bora Hansgrohe)

Dopo la clamorosa chiusura del Giro nel 2020, Wilco Kelderman ha lasciato Sunweb con una buona dose di frustrazione.

Alla Bora-Hansgrohe, ora condivide la leadership con – sì – Jai Hindley, il suo compagno di squadra all’epoca, che ora si è unito anche alla squadra tedesca. Importante: non ci sarebbe stato alcun litigio personale tra i due.

Kelderman è stato sul sedere per tutta la primavera. Anche lui si è ammalato durante il suo tirocinio e ha subito una commozione cerebrale a Liegi, ma gli ultimi mesi sono stati dominati da questo viaggio on the road tra Budapest e Verona.

Se Kelderman, Hindley e la direzione del team ora parlano la stessa lingua e Dame Fortuna finalmente collabora, può diventare un buon punteggio.

Kelderman e Hindley: da Sunweb a Bora-Hansgrohe.

Gli altri candidati per un posto nella top 10:

  • Felix Gall (AG2R-Citroen)
  • David Dela Cruz (Astana Qazaqstan)
  • Emmanuel Buchmann (Bora Hansgrohe)
  • Guillaume Martin (Cofidis)
  • Jefferson Cepeda (Tramoggia di droni)
  • Lorenzo Fortunato (Eolo Kometa)
  • Attila Valter (Groupama-FDJ)
  • Domenico Pozzovivo (Intermarché-Wanty-Gobert)
  • Alejandro Valverde (Movistar)
  • Ivan Sosa (Movistar)
READ  Botteghe storiche in Italia, la nostalgia del passato viene premiata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *